Tornano al gol Zaccardo e Giannone, agrodolce Carrus


Ritorni in campo a sorpresa per gli ex rossoblù ancora in attività in Italia con i gol di Zaccardo e Gabbiadini in Serie A oltre a Valiani e Vantaggiato in Serie B. Dalla Lega Pro segnali di vita da Giannone, Veratti e Carrus

– di Marco Vigarani –

Cristian Zaccardo, prima da titolare e gol al Parma (ph. Serie A)

Cristian Zaccardo, prima da titolare e gol al Parma (ph. Serie A)

L’ultimo turno di Serie A ha riportato in campo alcuni ex rossoblù assenti da diverso tempo che hanno sfruttato in generale piuttosto bene l’occasione avuto. Il migliore probabilmente è stato Manolo Gabbiadini, alla prima da titolare con la nuova maglia del Napoli, che ha siglato la rete decisiva per il 2-1 partenopeo in casa del Chievo pochi minuti prima di essere sostituito: per lui si tratta dell’ottavo centro stagionale. Sorprende invece doppiamente tanto l’impiego dal primo minuto di Cristian Zaccardo, assente dal terreno di gioco per scelta tecnica dal 18 maggio 2014 e lanciato nella mischia dal disperato Inzaghi nella sfida contro il Parma, quanto il suo ritorno al gol proprio alla sua ex squadra al termine di una prestazione davvero convincente. Da segnalare nella Fiorentina gli esordi di Diamanti e Gilardino con il fantasista che parte titolare e l’attaccante che subentra nel corso della ripresa mentre nel Cesena Pulzetti ha confermato la sua presenza nell’undici iniziale.

Francesco Valiani è al secondo gol consecutivo (ph. Latina)

Francesco Valiani è al secondo gol consecutivo (ph. Latina)

Anche in Serie B c’è un ritorno in campo importante di un ex rossoblù che di mestiere non segna gol ma evita che siano altri a realizzarne: il portiere Gillet fa il suo esordio nel Catania con una prestazione maiuscola che consente agli etnei di battere il Perugia. Seconda rete consecutiva invece per Francesco Valiani del Latina che approfitta di una palla vagante in area per trafiggere il Livorno e regalare il secondo vantaggio per 2-1 ai laziali che poi si aggiudicano il match per 3-2. Tra le fila dei toscani, nonostante la presenza dal primo minuto degli ex rossoblù Djokovic e Galabinov, c’è bisogno dell’ingresso in campo dalla panchina di Vantaggiato per trovare il gol della speranza con il rigore del 2-2. Oltre al ritorno al Dall’Ara da avversario per Pasquato con il Pescara, vanno segnalati l’esordio di Thomas Manfredini con la maglia del Vicenza e la seconda partita in panchina per Stojanovic che per il momento sembra non trovare spazio neanche a Crotone.

Davide Carrus con la maglia della Casertana (ph. Datasport)

Davide Carrus con la maglia della Casertana (ph. Datasport)

Passando quindi alla Lega Pro spicca sicuramente la rete del sempre più convincente Moscardelli, giunto così alla sua undicesima marcatura stagionale che però non è bastata al Lecce per avere ragione della Reggina, vincente al Granillo per 2-1. Arriva da Pistoia invece la notizia di una prestazione maiuscola per il fantasista Luca Giannone, autore anche del primo gol del poker con cui la Reggiana ha sepolto la Pistoiese. Dagli altri campi della categoria invece si segnalano il ritorno in campo per la seconda gara consecutiva di Yaisien con l’Arezzo, la maglia da titolare consegnata a Paponi dall’Ancona pur senza ricevere in cambio un gol e l’infortunio che ha bloccato per almeno una ventina di giorni Cipriani del Savoia. Nel corso della settimana scorsa però si sono giocati anche i quarti di finale di Coppa Italia Lega Pro ed in questa occasione hanno trovato gloria due ex rossoblù che finora hanno giocato poco. Si tratta dell’attaccante Veratti, a segno nel 3-0 con cui la Spal ha regolato il Bassano, e del centrocampista Carrus che prima ha realizzato la rete del vantaggio per la sua Casertana sul campo del Pontedera ma poi è stato anche uno dei tiratori che hanno fallito dal dischetto durante la lotteria dei rigori causando l’eliminazione della formazione campana.

 

TOP FLOP
Zaccardo – senza alternative sulla destra, Inzaghi lo rilancia titolare e lui risponde presente sfoderando una bella prestazione condita da un gol senza esultanza Britos – gioca al centro della difesa affianco ad Albiol ed è in una giornata talmente nera da far apparire il veterano Pellissier un ragazzino di vent’anni
Gabbiadini – prima da titolare al Napoli dopo un periodo in Purgatorio e lui sfodera subito gli artigli regalando la vittoria alla squadra di Benitez sfiorando il bis Radovanovic – è sicuramente il peggiore del Chievo visto che ci si rende conto della sua presenza in campo solo nel finale quando tenta un tiro dalla distanza
Giannone – dopo essersi conquistato spazio alla Reggiana trova anche il primo gol stagionale dimostrando di meritare appieno la categoria Pasquato – il suo ritorno al Dall’Ara non è brillantissimo e nel momento della sostituzione riceve anche qualche fischio dai suoi ex tifosi

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *