Totti salva la Roma, che gol Joaquin. Milan 6° rosso stagionale


Top e Flop della 18^ giornata di Serie A

– di Francesco Ferrari –

TOP

Ancora decisivo Francesco Totti, con la sua doppietta la Roma ha raggiunto il pareggio nel derby

Ancora decisivo Francesco Totti, con la sua doppietta la Roma ha raggiunto il pareggio nel derby

Totti (Roma): a 38 anni è ancora decisivo nel derby. Dopo un primo tempo nettamente a favore della Lazio e con la Roma sotto di due reti il capitano prima accorcia le distanze sfruttando un bel suggerimento di Strootman, poi al 64′ in scivolata riesce a spingere in rete un cross di Holebas facendo esplodere la curva;

Joaquin (Fiorentina): nella rocambolesca partita del Franchi, terminata 4-3 per i padroni di casa, sicuramente è da segnalare il bellissimo gol di Joaquin che trova l’incrocio dei pali con un destro a giro “alla Del Piero”, fissando il risultato sul momentaneo 4-2 per la Fiorentina;

Peres (Torino): certamente un giocatore interessante questo terzino brasiliano che compie la fase offensiva con estrema facilità ed efficacia. Contro i rossoneri ha fatto impazzire per tutta la partita Armero e Muntari, saltandoli anche in coppia in un paio di occasioni arrivando poi al tiro o al cross per i compagni;

Zappacosta (Atalanta): 2° gol consecutivo per il terzino dell’Atalanta con un destro dai 25 metri che fulmina Benussi, poi grande prova di spinta sulla sua corsia. Peccato che al 90′ Lazarevic riporta il risultato sull’1-1 rendendo meno importante la bella segnatura del difensore.

FLOP

Cartellino rosso per Mattia De Sciglio, 6^ espulsione per i rossoneri in stagione

Cartellino rosso per Mattia De Sciglio, 6^ espulsione stagionale per i rossoneri

De Sciglio (Milan): 6° rosso stagionale per i rossoneri, ed ennesima partita sofferta per il Milan di Inzaghi, graziato più volte dagli imprecisi attaccanti granata. De Sciglio soffre sin dall’inizio l’irruenza di Darmian e lascia la squadra in 10 uomini per tutto il secondo tempo;

Hamsik (Napoli): ennesima prova incolore per il trequartista partenopeo, la squadra sente molto la sua mancanza di idee, infatti le uniche volte che accelera e gli riesce la giocata la squadra subito cambia passo, ma sono solo pochi sprazzi in 90′, troppo poco;

Djordjevic (Lazio): partita senza luci per l’attaccante serbo, forse messo un po’ in ombra dal gioco della Lazio che favorisce molto gli inserimenti da dietro dei centrocampisti piuttosto che un gioco sulle fasce con conseguente palla alta per la punta centrale. Forse Pioli gli concederà un po’ di riposo a favore di Klose a questo punto della stagione;

Burdisso (Genoa): sfida da ex per il difensore genoano che perde clamorosamente Icardi in occasione del corner che porta al secondo gol neroazzurro. Soffre per tutta la gara la ritrovata verve dell’attacco interista concedendo diversi spazi nel suo settore.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *