Tra Modena e Bologna vince solo la noia


Si conclude senza gol e senza emozioni il derby tra Modena e Bologna con i rossoblù che comunque proseguono la loro striscia positiva e per una notte si trovano primi in classifica

– di Marco Vigarani –

Squadre in campo nel derby della Via Emilia

Squadre in campo nel derby della Via Emilia

Va in scena il derby della Via Emilia tra Modena e Bologna con i due tecnici che decidono di non stravolgere le impostazioni tattiche nonostante le tante assenze adattando qualche giocatore come Marzorati terzino destro e Laribi mezzala sinistra. Nonostante il clima del derby, i tifosi gialloblù si segnalano per un bello striscione di ringraziamento ai colleghi felsinei per l’aiuto ricevuto in occasione dell’alluvione della scorsa primavera. L’avvio di gara è a dir poco stentato a causa del livello tecnico decisamente basso di entrambe le squadre che non riescono praticamente mai ad entrare nell’area di rigore avversaria e l’unica emozione arriva all’undicesimo minuto con l’espulsione di Troianiello direttamente dalla panchina per proteste. Stojanovic prova a movimentare la partita con un rilancio sbagliato da fuori area ma Ferrari manca ampiamente il bersaglio a porta sguarnita e la noia continua a regnare sovrana al Braglia. Il primo tiro nello specchio arriva addirittura al 25esimo ancora con l’attaccante dei gialloblù che scarica un destro debole da fuori area che non può in alcun modo sorprendere Stojanovic mentre per il Bologna è Maietta cinque minuti dopo a tentare la soluzione dai trentacinque metri con la palla che si spegne sul fondo più vicina alla bandierina del corner che alla porta di Pinsoglio. Lopez si vede ammonire i due centrali mentre i ragazzi di Novellino dalla mezz’ora aumentano leggermente la pressione e conquistano qualche calcio di punizione nella metà campo offensiva senza creare grandi pericoli ed il primo tempo si conclude senza gol e praticamente senza emozioni.

Nonostante il risultato a dir poco insoddisfacente dei primi quarantacinque minuti, i due allenatori non operano cambi nell’intervallo e la gara riprende con le solite imprecisioni da entrambe le parti. A far correre un brivido lungo la schiena dei rossoblù è Salifu al settimo minuto con una conclusione potente al volo dal limite dell’area che esce non di molto. Il Bologna, finora apparso a tratti anche supponente, sembra scuotersi e nei minuti successivi si presenta con una certa pericolosità dalle parti di Pinsoglio prima con Acquafresca poi con Cacia. Dopo un sospetto rigore negato ai rossoblù, il primo cambio è per Lopez che inserisce Masina per Giannone mentre Novellino propone Luppi per Ferrari con la gara che continua a non decollare a causa soprattutto di troppi errori di misura nei passaggi che vanificano i tentativi di entrambe le squadre. Poco dopo la mezzora arriva anche il momento di Marsura nel Modena al posto di Nizzetto e del rossoblù Pasi che prende il posto di Acquafresca. Modena e Bologna continuano a non dare segnali di vita nel recupero c’è spazio anche per Osuji che entra per Schiavone mentre Lopez non riesce neanche ad usare l’ultima sostituzione a disposizione con Bentancourt, pronto a entrare, che si vede fischiare la fine davanti agli occhi.

Va così in archivio un derby tanto atteso quanto deludente con due formazioni che non hanno fatto praticamente nulla per vincere forse pensando anche già al turno infrasettimanale che le vedrà di nuovo in campo fra poche ore. La carica del Dall’Ara di sabato scorso oggi sembra un lontano ricordo che forse solo il ritorno tra le mura amiche e magari il rientro in città del presidente Tacopina potrà rispolverare. Il Bologna nonostante tutto muove ancora la classifica, prosegue la sua striscia positiva e per una notte si addormenta da primo in classifica a pari merito con Trapani e Frosinone.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *