Tragedia in Argentina, calciatore ucciso in una rissa


Franco Nieto, calciatore assalito lo scorso fine settimana dopo Tiro Federal-Chacarita in un torneo regionale, è deceduto nella notte

– di Massimo Righi –

Franco Nieto, 33 anni, vittima della violenza dei tifosi (ph. tn.com.ar)

Franco Nieto, 33 anni, vittima della violenza dei tifosi (ph. tn.com.ar)

Non si placa la violenza in Argentina e come spesso accade, ci scappa il morto. Questa volta però non si tratta di un tifoso a pagare le conseguenze negli scontri fra barras bravas (così vengono chiamate le frange più violente del tifo organizzato sudamericano), ma di un giocatore salito suo malgrado alla ribalta della cronaca nera. Franco Nieto, 33 anni tesserato con il Tiro Federal, è morto nella notte in seguito alle ferite molto gravi riportate al capo dopo 4 giorni di ricovero e 2 interventi chirurgici, presso l’ospedale Vera Barro della Rioja.

La tragedia è nata in seguito ad una rissa scatenatasi in campo, a dieci minuti dal termine della partita Tiro Federal-Chacarita Juniors, valida per un torneo regionale disputato nella provincia di La Rioja. La partita è degenerata in seguito al nervosismo fra i giocatori, la rabbia ha preso il sopravvento e l’arbitro ha espulso diversi giocatori dal campo, fra cui anche Nieto, prima di decidere per la sospensione della partita sul 3-1 per il Tiro. Sebbene il provvedimento abbia riportato la calma in campo, alcuni tifosi non si sono dati pace ed hanno aspettato i giocatori del Tiro Federal fuori dallo stadio. Una volta usciti, i giocatori e in particolar modo Nieto, sono stati prima insultati e poi assaliti: calci, pugni, bastonate e due mattonate in testa al giocatore che si riveleranno fatali. La polizia locale ha disposto l’arresto di alcuni aggressori (tre per il momento) ritenuti responsabili del misfatto, ma tra gli indagati ci sarebbero anche due tesserati del Chacarita, di cui uno potrebbe essere addirittura un giocatore.

 

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *