Trionfo Ducati a Sepang, Dovizioso perfetto! Rossi secondo


Bella affermazione per la Ducati che vince a Sepang grazie a Dovizioso. Caduto Iannone, arriva secondo Rossi e diventa vicecampione iridato

– di Alberto Bortolotti –

Bella vittoria di Dovizioso a Sepang (ph. Ducati)

Bella vittoria di Dovizioso a Sepang (ph. Ducati)

ll giorno del trionfo Ducati, vittoria di Dovizioso a Sepang dopo 7 anni dall’ultimo successo a Donington, Valentino Rossi si laurea ufficialmente vicecampione del mondo, precedendo sul podio Lorenzo e risultando ormai irraggiungibile dal compagno di squadra. Ha dichiarato a fine gara la star di Tavullia: “L’obiettivo era arrivare davanti a Lorenzo, anche se credevo di vincere, Iannone mi ha fatto sputare sangue, poi è caduto! Ho perso anche perchè le gomme si sono scaldate, avevo il setting per full wet e ho preferito non cadere. La Ducati consuma meno gomma davanti, la differenza è lì, al di là del valore di Dovizioso“.
Tenerissimo il pilota di Forlimpopoli alla fine, il nono vincitore in stagione, week-end da incorniciare con pole, giro veloce, vittoria: “La tanta sofferenza accumulata in questi anni di non vittorie ha fatto sì che ho pianto tutto l’ultimo giro, è stato bellissimo, poi in Malesia, la mia pista preferita. Li ho cucinati tutti, l’ho gestita al meglio. Siamo sempre molto competitivi sull’acqua. Poi vincere è importante anche perchè è vero che ho piena fiducia da Ducati, due anni di contratto, ma insomma…aiuta!. In Austria ho perso causa gomme e per la bravura di Iannone“.
Cadono sull’umido Marquez e Crutchlow, dietro i tre da podio arrivano le due Ducati di Barbera e Baz che precedono la Suzuki di Vinales.
Nel week-end d’oro del tricolore bisogna segnalare in Moto2 il secondo posto di Morbidelli (e il quarto di Baldassarri) dietro il bi-campione del mondo Zarco, ma soprattutto l’inno di Mameli era già suonato alla fine di Moto3 causa Pecco Bagnaia, primo davanti a Kornfell e Bendsneyder. Una maxicaduta originata da una chiazza d’olio ha fatto fuori gli altri big.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *