Tripletta di Higuain, eterno Di Natale. Totti fermato da Sinisa


Top e Flop della 8^ giornata di Serie A

– di Francesco Ferrari –

TOP

Si è finalmente sbloccato Higuain, autore di una tripletta contro il Verona

Si è finalmente sbloccato Higuain, autore di una tripletta contro il Verona

Higuain (Napoli): finalmente si è sbloccato il Pipita che aveva davvero bisogno di ritrovare il sorriso e la gioia del gol. Segna addirittura una tripletta nel netto 6-2 che i partenopei impongono ai danni del Verona. Ci prova fin da subito scaldando i guantoni di Rafael con una conclusione al volo ma il portiere è bravissimo a deviare in corner, poi si scatena insieme a tutto il Napoli che a tratti ricorda la squadra spettacolare vista nella passata stagione.Higuain, come da usanza, si porta a casa il pallone;

Acerbi & Taider (Sassuolo): Francesco Acerbi dopo un calvario che sembrava infinito torna a sorridere segnando un bel gol in spaccata che vale il 2-0.Taider poi trova il jolly della domenica con un missile dai 25 metri che si insacca sotto l’incrocio dei pali. Il Sassuolo vince così a Parma contro una diretta interessata per la lotta salvezza, e lo fa dominando nettamente;

Di Natale (Udinese): il capitano dell’Udinese sembra aver fermato il tempo, a 37 anni appena compiuti corre ancora come un ragazzino e regala al pubblico tocchi di alta scuola. A coronamento della prestazione segna anche un gol, bellissimo, con un destro che si infila sotto l’incrocio. In una parola: eterno;

Klose (Lazio): non segnava da sette mesi e il suo gol permette alla Lazio di conquistare i tre punti contro il Torino e raggiungere il Milan al 5° posto in classifica. Gillet respinge corto e Miroslav arriva per primo sulla ribattuta, rapace come ai bei tempi. Sfiora la doppietta personale e si dimostra più dinamico delle precedenti partite, dove era apparso molto indietro di condizione.

 

FLOP

Serataccia per Totti, imbrigliato dai difensori blucerchiati

Serataccia per Totti, sempre ben marcato dai difensori blucerchiati

Totti (Roma): Mihajlovic ha riservato un trattamento speciale per il capitano della Roma che stasera non ha trovato spazi, sempre braccato a uomo da Gastaldello e raddoppiato all’occorrenza da Palombo non è mai riuscito ad entrare in partita. Il risultato è una Roma con due ali velocissime e che arrivano sempre in area di rigore ma senza un punto di riferimento al centro, così la Roma non va oltre lo 0-0 contro un’ordinatissima Sampdoria;

Gillet (Torino): la sua respinta corta e centrale sulla punizione da 35 metri di Candreva permette a Klose di appoggiare il pallone in rete a porta sguarnita, il tiro era potente ma il portiere avrebbe dovuto indirizzare la palla in angolo e non verso il centro dell’ area, un errore che costa la sconfitta all’Olimpico, dove il Torino non aveva certo demeritato;

Lucarelli (Parma): il difensore dei crociati è spesso in affanno contro il tridente del Sassuolo, inoltre sbaglia l’anticipo in occasione della rete del 2-0 segnata da Acerbi. Senza Paletta la retroguardia di Donadoni non sembra ancora aver trovato il suo equilibrio e lo dimostrano i 20 gol subiti in solo 8 giornate e il conseguente ultimo posto in classifica a soli 3 punti;

Moras (Verona): insieme al compagno Marques passa una domenica da incubo. In occasione del gol del 3-2  rimane immobile a guardare la sfera e si fa bruciare dal Pipita, che infila Rafael con un rasoterra preciso. Da questo punto in poi la gara è un crescendo per gli attaccanti del Napoli che mettono in imbarazzo la retroguardia di Mandorlini segnando ben 6 reti.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *