Triplo Saul e troppa Spagna: l’Italia è fuori dall’Europeo


Finisce in semifinale il sogno azzurro all’Europeo Under 21. Una tripletta di Saul manda in finale la Spagna, effimero il pari di Bernardeschi

– di Marco Vigarani –

La Spagna ha eliminato l’Italia vincendo 3-1 la semifinale (ph. Zimbio)

Non si può certo dire che l’Italia non ci abbia provato, ma semplicemente la Spagna è una formazione di livello superiore e giustamente si è presa l’accesso alla finale. Probabilmente però la squadra allestita e formata da Di Biagio ha sperperato un bel bagaglio tecnico finendo per non riuscire a tradurre sul campo dichiarazioni ed aspettative: l’avventura all’Europeo Under 21 quindi finisce in semifinale. Tutti si aspettavano fuoco e fiamme da Asenjo ma alla fine ad eliminarci è stato Saul con una tripletta mortifera tutta realizzata dopo l’intervallo mentre invece nel primo tempo l’Italia aveva dimostrato di saper tenere bene il campo anche di fronte ad una delle Nazionali Under 21 più forti del mondo. I primi 45′ si erano risolti con un paio di occasioni per parte (le più pericolose per Pellegrini e Deulofeu) ma lo sforzo ha anche appensantito le gambe e la testa degli Azzurrini che nella ripresa sono crollati. Agli iberici è bastato alzare appena il ritmo per trovare il vantaggio ancora una volta approfittando di un imperfetto Donnarumma su Saul ma soprattutto per far saltare i nervi agli avversari portando Gagliardini a rimediare due ammonizioni in dieci minuti rendendo frustrante l’idea di una rimonta. Eppure Bernardeschi aveva anche trovato il punto del pari con un gran mancino deviato ma la reazione spagnola è apparsa devastante e Saul ha spento definitivamente la luce con altri due gol. La Spagna ora dovrà vedersela con la Germania nella finalissima.

Non ci sono rimpianti ma solo orgoglio nelle parole del ct azzurro Di Biagio che ha affermato: “Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo ma nel secondo hanno cominciato a prendere il sopravvento. Ovviamente il cartellino rosso a Gagliardini ha influito sulla gara visto che loro palleggiano molto bene già normalmente, quindi figuriamoci con un uomo in più. I miei ragazzi però sono stati fantastici, volevo arrivare in fondo, ma non potevo chiedere di più: in questo Europeo abbiamo centrato l’obiettivo di rilanciare il calcio italiano“. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il difensore Rugani che ha dichiarato: “È stato un Europeo positivo, abbiamo mostrato di essere un gruppo forte e unito anche nei momenti difficili, abbiamo provato fino all’ultimo a conquistare la finale, ma usciamo a testa alta. C’è molto rammarico perché eravamo una squadra forte e si poteva arrivare in fondo“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *