Tris Fortitudo, sbancata pure Ferrara


I ragazzi di coach Boniciolli sbancano il PalaHilton grazie ad un super Knox e alla magia finale di capitan Mancinelli. Terza vittoria consecutiva per la Fortitudo, terzo k.o di fila invece per Ferrara

-Calogero Destro-

Ferrara per rifarsi dopo due sconfitte consecutive e agganciare in classifica i rivali proprio nel derby, la Fortitudo per la terza vittoria di fila che le permetterebbe di continuare a volare nelle zone che contano.

Stefano Mancinell: il capitano della "F" ha messo i due punti decisivi per la terza vittoria di fila dei biancoblu

Stefano Mancinell: il capitano della “F” ha messo i due punti decisivi per la terza vittoria di fila dei biancoblu

Il primo tempo- Dopo un inizio a marce alte (6-6 nei primi 2′ e 50” di gara) le due squadre abbassano nettamente le percentuali. Raucci sblocca la situazione con una gran tripla, l’ex Mastellari risponde con la stessa moneta. Un paio di errori ai liberi e una brutta persa permettono a Ferrara di creare un mini-break (14-10 dopo 2′ e 54″). Il finale è un festival del tiro dalla lunga: si segna da oltre l’arco da una parte e dall’altra ma la “F” pasticcia troppo in fase di costruzione (7 perse nel solo primo quarto) e si ritrova sotto di 5 lunghezze, ridotte quasi sulla sirena a 3 dal piazzato di un buon Nikolic (21-18). Lo stesso sloveno apre il secondo periodo con la rubata e la schiacciata in contropiede, poi Roderick e Mancinelli da 3 tengono le due squadre a distanza di un solo punto (24-23). I due liberi di Candi e il gioco in post alto del “Mancio” portano avanti i biancoblu (24-27 a metà del secondo parziale). Knox, rientrato sul parquet dopo i due falli iniziali, mette la bomba che vale i due possessi pieni di vantaggio per gli ospiti. Ferrara non riesce più a trovare la via del canestro e s’innervosisce, regalando anche un tecnico ai ragazzi di Boniciolli, che allungano fino al +9 con il taglio ed appoggio di Nikolic. Bowers spezza l’incantesimo con un preziosissimo gioco da 3 punti, ma Knox si alza con la mano destra da 2 punti e ricaccia i padroni di casa a -8 (27-35). La super tripla dall’angolo di Montano vale il massimo vantaggio per i suoi (29-40 a 2′ e 03″ dall’intervallo). Il primo tempo si conclude infine con Ferrara che insegue a soli 5 punti (38-43).

Justin Knox, centro della Fortitudo

Justin Knox ha spezzato la gara nel finale in favore della Fortitudo

La ripresa- Cortese e Nikolic aprono la ripresa con una tripla a testa. Ancora l’ex Olimpia Lubjana e poi Candi portano la “F” fino al +9 con due conclusioni da fuori (45-54 dopo 23′). Bowers e Cortese riavvicinano Ferrara a -4. L’attacco ospite s’inceppa e la Bondì riesce a raggiungere addirittura il -1 ma l’impatto di Italiano dalla panchina e lì’appoggio di Raucci in contropiede riportano i ragazzi di Boniciolli avanti di 5 lunghezze (57-62 a poco più di 2′ dall’ultimo periodo). L’ex Cortese è avvelenato: con i suoi 16 punti nel solo terzo parziale, coronati da una gran tripla, impatta per il 64-64 dei suoi. Mancinelli però non è d’accordo e sull’ultimo possesso del quarto appoggia al vetro il + 2 ospite. Il quarto periodo fa segnare il primo vantaggio ferrarese dal secondo parziale (67-66) a cui però risponde prontamente il redivivo Knox.  La Fortitudo esaurisce il bonus dopo appena due minuti dall’inizio dell’ultimo parziale: fattore che incide pesantemente, perché Cortese incrementa il suo fatturato dalla lunetta(e non solo). A 6′ dalla fine il punteggio è sul 75 pari. Ancora Knox spezza l’equilibrio con i punti 19 e 20 della sua gara. Bowers risponde con  il piazzato che riporta il match in parità a 4’e 09″ dalla sirena. I liberi di un gran Nikolic fanno rimettere la testa avanti ai bolognesi. Si continua punto a punto e dopo aver raggiunto l’ennesima parità con Mastellari, nell’ultimo minuto di gara sono i padroni di casa a portarsi in vantaggio con i liberi di Roderick (86-84 a 32″ dalla fine). Il cronometro segna gli ultimi 13″: Mancinelli scrive il + 2 “F” con delle mani morbidissime e una freddezza da campione vero. Cortese potrebbe regalare la vittoria ai suoi con la tripla dall’angolo ma sbaglia. Candi fa volutamente 1/2 dalla lunetta con poco meno di un secondo da giocare. La Fortitudo sbanca dunque il PalHilton (85-87) e si porta a quota 12 in classifica. A Ferrara non riesce il bis contro l’altra forza di Bologna e rimane a una sola vittoria fra le mura amiche in questa stagione.

Postpartita- Comincia con una frecciatina ai tifosi forlivesi la conferenza stampa di coach Boniciolli, che poi si sofferma molto su un’analisi generale e non solo sulla partita: E’ stata una grande partita, meglio della A1. Uno spettacolo sia dentro che fuori dal campo, con un pubblico, sia da una parte che dall’altra meraviglioso ma senza mai eccedere. Ferrara è un’ottima squadra, quando recupererà la condizione farà ottime cose. Noi al completo siamo un’altra cosa, a prescindere dalle falsità che qualcuno in città sostiene ancora su eventuali tagli nonostante tutto. Ruzzier ha fatto un passaggio che vale la partita, Nikolic? Un killer silenzioso, ha bisogno di un sistema attorno. Abbiamo un eccellente rapporto tra di noi, vogliamo bene ai nostri giocatori più delle loro fidanzate. Arriveranno anche dei momenti difficili, ma in quel caso, come poteva accadere oggi, analizzeremo cosa va e cosa no: seminare vento porta solo a raccogliere tempesta.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *