Troianiello scalpita: “Non vedo l’ora di giocare”


Gennaro Troianiello ha parlato oggi in conferenza dell’esordio di venerdì contro il Perugia dove si candida per una maglia da titolare

di Marco Vigarani

A meno di ulteriori clamorose novità, il Bologna ha iniziato la settimana che lo condurrà all’esordio stagionale contro il Perugia e oggi si è presentato davanti ai cronisti l’esterno Gennaro Troianiello che ha ammesso senza giri di parole: “È ora di ricominciare. In questi giorni si sente anche tra di noi un’aria più intensa perchè abbiamo voglia di scendere in campo ed iniziare il nostro campionato. Siamo concentrati e pronti per giocare venerdì sera“.

Gennaro Troianiello, esterno del Bologna

Gennaro Troianiello, esterno del Bologna

Il Bologna però ha già disputato e perso una gara ufficiale contro L’Aquila in Coppa Italia ed anche il calciatore napoletano ha provato a dare una spiegazione di quella debacle. “La prima delusione fa male – ha dichiarato – ma vedo il bicchiere mezzo pieno e credo che questa sconfitta ci abbia dato la sveglia facendoci capire che nulla ci è dovuto solo perchè siamo il Bologna ma anzi che tutti si impegneranno al massimo contro di noi proprio per questo motivo. Scenderanno sempre in campo come se noi fossimo la Juventus. L’Aquila ha fatto una grande partita ma noi siamo stati poco concentrati, ognuno ha provato a recuperare il risultato giocando da solo e forse li abbiamo anche sottovalutati. Con questa mentalità avremmo fatto fatica anche contro una squadra di Eccellenza. Non possiamo permettercelo“. La delusione più grande è stata evidentemente per i tifosi che si sono recati in buon numero al Dall’Ara: “Lo stadio è bellissimo – ha proseguito – non ci avevo mai giocato e mi ha fatto subito una buona impressione. Poi i tifosi sono stati grandi: ora tocca a noi renderli orgogliosi“.

Troianiello ha guardato poi avanti alla nuova Serie B che lo attende dicendo: “Tutte le squadre alla fine sono uguali e noi dovremo fare sempre meglio di loro. Ad esempio l’anno scorso il Palermo era una corazzata quindi una squadra diversa da questo Bologna, ma alla fine hanno centrato la promozione anche Cesena ed Empoli che sono state due sorprese. Oggi devo dire che tra le squadre che mi piacciono ci sono Catania, Modena, Bari e Spezia. Però non ho paura di nessuno e il mio obiettivo dal momento in cui ho scelto il Bologna è stato sempre e solo quello di conquistare la Serie A“. Descritto da sempre come un uomo importante anche all’interno dello spogliatoio, l’ex rosanero ha poi parlato dell’ambiente rossoblù e dei rapporti con i compagni: “Ho trovato bravi ragazzi, gente disponibile e un gruppo che sta crescendo insieme. Ho sempre pensato che nel calcio l’unione faccia la forza e stiamo lavorando in questo senso. Dal punto di vista tecnico c’è un buon mix tra giovani ed esperti però ora dobbiamo mettere tutti qualcos’altro per dimostrarci più affamati dei nostri avversari. Più siamo e meglio è, quindi se ci potrà dare una mano anche Perez ne sarò contento“.
Dopo una battuta sull’ormai famigerato Ice Bucket Challenge -“Sinceramente non sapevo neanche cosa fosse“-, Troianiello ha quindi lanciato direttamente la sua candidatura al tecnico Lopez: “Da qualche giorno mi sento veramente bene e credo di avere i novanta minuti nelle gambe: ora spero solo che il mister mi faccia giocare“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *