Tutte le comproprietà risolte, si chiude un’era


Con le risoluzioni di ieri, si è chiusa l’era delle comproprietà nel campionato italiano. Vediamo i principali affari conclusi, alcuini dei quali senza dover ricorrere alle buste

– di Massimo Righi –

Ieri sera sono state risolte tutte le comproprietà in essere nel campionato di calcio italiano e si è così chiusa un’epoca. Infatti da adesso in poi non sarà più possibile stipulare un affare per l’acquisto di un giocatore con la formula della compartecipazione. I casi risolti ieri previe buste o con un accordo fra le società, sono stati 69: vediamoli tutti.

Berardi è tutto del Sassuolo, ma la Juve potrà riacquistarlo (ph. Zimbio)

Berardi è tutto del Sassuolo, ma la Juve potrà riacquistarlo (ph. Zimbio)

Le comproprietà senza ricorrere alle buste sono state addirittura 62. La Juventus ha lasciato il promettente Berardi al Sassuolo per 10 milioni, sebbene si sia riservata un accordo con gli emiliani per poterlo riacquistare a 16 milioni; i bianconeri hanno lascito Boakye all’Atalanta e Goldaniga al Palermo e si sono ripresi Fiorillo dalla Sampdora (ultima stagione a Pescara). De Silvestri resta invece alla Sampdoria, 1 milione alla Fiorentina, mentre Jorginho è tutto del Napoli che ha sborsato 4 milioni al Verona. Il difensore dell’Under 21 Bianchetti, l’ultima stagione allo Spezia ma in comproprietà fra Inter e Verona, è tutto dei veneti, mentre già era noto il riscatto della Roma sul Genoa per Bertolacci, poi finito al Milan. Lo stesso vale per Nainggolan, strappato al Cagliari a suon di milioni. L’Avellino ha riscattato Bittante dalla Fiorentina, mentre il Torino ha lasciato Scaglia al Cittadella e Sperotto al Carpi. La Roma ha poi ceduto definitivamente Barba all’Empoli e Antei al Sassuolo. De Luca è tutto dell’Atalanta che lo ha riscattato dal Varese, mentre Garritano è rimasto a Cesena dopo la risoluzione con l’Inter. Infine, l’esterno offensivo Ragusa è tornato al Genoa dopo la stagione al Vicenza.

Benassi è del Torino: i granata hanno offerto più dell'Inter in busta

Benassi è del Torino: i granata hanno offerto più dell’Inter in busta

Alle buste, la Roma perde Caprari alle buste con il Pescara, mentre ha riscattato Politano dal club abruzzese. Gli altri casi spinosi risolti riguardano Benassi, andato al Torino coi granata che hanno offerto 3,5 milioni di euro contro i 2,9 dell’Inter, mentre il trequartista Verdi che ha giocato l’ultima stagione a Empoli, è tornato al Milan con i granata ad incassare 500 mila euro. Defrel, causa fallimento del Parma è interamente del Cesena, che ha consegnato comunque la busta con una cifra di 51mila euro, soldi che come ha detto l’uomo mercato dei romagnoli, saranno destinati agli ex dipendenti gialloblù ora disoccupati.

Gli altri affari – Agyeu (Benevento), Aldovrandi (Modena), Barlocco (Juventus), Brighenti (Cremonese), Cais (Juventus), Calderoni (Chievo), Casarini (Parma), Ceria (Atalanta), Davighi (Novara), De Cenco (Pavia), Dezi (Napoli), Djokovic (Bologna), Ephraim (Cesena), Emmanuello (Atalanta), Fabbri (Parma), Favalli (Parma), Fedato (Sampdoria), Ferri (Brescia), Forte (Inter), Frello (Napoli), Gobbo (Crotone), Ingegneri (Cesena), Kranjc (Cesena), Lanini (Juventus), Libertazzi (Novara), Lini (Cesena), Luperto (Napoli), Madonna (Spezia), Malivojevic (Vicenza), Manfrin (Chievo), Miracoli (Varese), Palermo (Cremonese), Pepe (Messina), Reato (Cesena), Rossini (Parma), Rovini (Udinese), Ruggiero (Pro Vercelli), Russini (Ternana), Sall (Bari), Sandrini (Parma), Stoian (Chievo), Tantardini (FeralpiSalò), Thiam (Juventus), Tomassone (Inter), Tremolada (Varese), Ventre (Genoa), Viola (Palermo), Zanini (Cesena).

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *