Tutte le incognite della nuova Fortitudo


Analisi della nuova Fortitudo che sta definendo il roster in vista della prossima stagione tra certezze e scommesse 

– di Luca Corbelli –

Michele Ruzzier, ultimo acquisto della "F" in ordine di tempi, arriva da Venezia (ph. nazionaliditalia)

Michele Ruzzier, ultimo acquisto della “F” in ordine di tempi, arriva da Venezia (ph. nazionaliditalia)

PLAY: RUZZIER – Candi – Campogrande
Ritengo questo ruolo fondamentale per la buona riuscita di un campionato e che l’esperienza alla fine paghi in maniera esponenziale a discapito del solo talento, perche qui probabilmente del talento ne abbiamo in quantità discreta ma dell’esperienza proprio nulla.

GUARDIE: ROBERTS – Montano
Ruolo coperto alla grande, con un’unica incognita: i minutaggi. Dove Roberts giocherà 30’ e Montano i restanti 10’ ne sarà contento? Ma per la copertura del ruolo nulla da dire.
Piccolo inciso, l’anno passato si è scelto di dare a Candi la grandissima responsabilità di essere il play titolare praticamente da esordiente di una squadra importante come la Fortitudo, cosa che con l’arrivo di Ruzzier ovviamente gli viene tolta, per me il suo  minutaggio scenderà in maniera corposa intorno ai 15’ a partita, quindi contrariamente a quanto leggo dalle dichiarazioni del suo allenatore non credo gli serva ridurre il minutaggio per migliorarne la crescita. Staremo a vedere del resto la coerenza sappiamo che non abita da queste parti.
ALI o 3 ITALIANO – Raucci
Questo è il ruolo meno efficace di questa squadra , le qualità di entrambi i giocatori le conosciamo benissimo ma una SQUADRA DA BATTERE come viene definita dal bravo allenatore non può avere nel ruolo del 3 questa coppia di giocatori.
Stefano Mancinelli, qui la maglia della Fortitudo, ritorna a Bologna dopo 7 stagioni fra Milano, Cantù e Torino (ph. newssuperscommesse)

Stefano Mancinelli, qui la maglia della Fortitudo, ritorna a Bologna dopo 7 stagioni fra Milano, Cantù e Torino (ph. newssuperscommesse)

POST o 4 MANCINELLI
Non entro nel merito sul ritorno di questo bravissimo giocatore ma nel ruolo che deve ricoprire, essendo ovviamente l’unico Giocatore di esperienza di questo gruppo, l’unico che ha giocato partite importanti in campionati, coppe e Nazionale dovrà essere l’uomo che fa la differenza dentro e fuori dal campo per la crescita del gruppo e per migliorare il risultato dello scorso anno, ottenibile solo attraverso la promozione, cosa non facile. Ma se a Mancinelli gli viene un raffreddore chi gioca da 4?

PIVOT o 5 KNOX – Gandini
Anche qui come nella posizione della guardia il ruolo sembra assolutamente coperto, migliorato rispetto allo scorso campionato, dove probabilmente si è sostituito un Daniel con un giocatore più continuo (da verificare) e il buon Quaglia con un giocatore migliore (ci voleva poco).

COSA MANCA ?
Un vero tiratore da fuori oltre a Roberts un cambio di Mancinelli ed esperienza, la cosa più importante! Se parti facendo un campionato senza pretese e ti ritrovi in finale sei stato un fenomeno tu come societa come allenatore e come Giocatore, se parti auto-dichiarandoti la SQUADRA DA BATTERE ti appesantisci immediatamente le spalle e la mente, se poi si considera che non si conoscono i roster delle altre squadre l’affermazione rischia di essere avventata senza motivo, per di più in una squadra in cui tra gli italiani presenti, tolto Mancinelli, nessuno ha mai vinto niente e l’inesperienza la fa da padrone.
Personalmente vedrei bene un po’ di modestia nelle dichiarazioni, in quanto a presunzione siamo già arrivati.

Voto a questa squadra 7,5

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *