Urlo Danilo, l’Udinese abbatte il Bologna in extremis


I friulani sprecano diverse occasioni da rete, ma trovano il gol all’ultimo assalto con una perla del capitano. Il Bologna si rende protagonista di un’altra prestazione sottotono

– di Luigi Polce –

Festa completa per l’Udinese: nella serata che celebra i 120 anni di storia del club friulano, i bianconeri agguantano all’ultima occasione disponibile la vittoria contro un Bologna piuttosto apatico. Alla banda Donadoni il punto sarebbe andato bene, in una serata che poteva assumere contorni decisamente più “drammatici” per quanto visto nell’arco dei 90’.

Gigi Delneri, tecnico dell'Udinese. ph. Albarsport

Gigi Delneri, tecnico dell’Udinese. ph. Albarsport

L’ ultima vittoria del Bologna in trasferta è passata proprio da queste parti: era il 14 febbraio scorso, e un gol di Mattia Destro regalò ai supporters rossoblù un San Valentino di passione. Lo stesso attaccante ex Roma prova allora a far fruttare un inizio incoraggiante dei suoi e magari a riannodare il filo di un discorso, quello del successo lontano dal Dall’Ara, che manca da troppo tempo: è il minuto 7, Krejci scappa via sulla sinistra e serve in maniera precisa Destro, che però non riesce a correggere in rete complice anche il disturbo involontario di Taider. Ma una rondine non fa primavera, specie in un freddo lunedì sera di inizio dicembre. E infatti il primo tempo del Bologna si spegne praticamente dopo una decina scarsa di minuti: il resto della frazione è un monologo dei bianconeri, che con Thereau, Zapata (2) e Felipe costruiscono serissimi pericoli in zona Mirante. Manca però la precisione, fattore che consente ai ragazzi di Donadoni di tornare negli spogliatoi senza danni subiti.

Mounier affronta Samir. Ph. Ansa

Mounier affronta Samir. Ph. Ansa

Il copione non cambia nella ripresa, anzi se possibile peggiora. Nel senso che l’Udinese abbassa sensibilmente il ritmo, favorendo così l’atteggiamento prudente e molto poco aggressivo del Bologna. Lo spettacolo ne risente, tanto che per vedere un qualcosa che sia lontanamente vicino a un’azione da gol tocca aspettare il tiro dal limite (alto) di Pulgar: sul cronometro si legge minuto 65. Il cileno è ancora protagonista 300 secondi più tardi, stavolta in negativo: fallo su Thereau e doppio giallo, episodio che lascia i suoi in 10. Delneri, a questo punto, prova a vincerla: fuori Hallfredsson, dentro Perica per un’Udinese a trazione anteriore. È la mossa che rischia di far saltare il banco, visto che a 10’ dal termine proprio Perica avrebbe l’occasione per bucare la difesa del Bologna: ma il n. 18, da posizione favorevolissima, spara alle stelle. Due minuti dopo altra occasione bianconera: Kums mette al centro una punizione velenosa, sulla quale Thereau non arriva per questione di centimetri. Il crescendo di pericolosità trova il suo apice all’85’: Zapata trova Perica, la deviazione del croato sembra vincente ma Mirante ci mette il piedone e firma il miracolo di serata. L’appuntamento con la festa, però, è solo rinviato. All’ultimo istante di partita. Quando Danilo, su cross di Widmer, si inventa una girata da Playstation: la palla dà un bacio alla traversa e termina in fondo al sacco, per la gioia della Dacia Arena. Alla fine, è giusto così.

UDINESE-BOLOGNA 1-0 (primo tempo 0-0)

Marcatori: Danilo al 93′ s.t.

UDINESE (4-3-1-2): Karnezis; Widmer, Danilo, Felipe, Samir; Kums, Hallfredsson (dal 26’ s.t. Perica), Fofana; De Paul (dal 21’ s.t. Badu); Zapata (dal 40’ s.t. Penaranda), Thereau. All. Delneri.

BOLOGNA (4-3-3): Mirante; Torosidis, Oikonomou, Maietta, Masina; Dzemaili, Pulgar, Taider; Krejci (dal 12’ s.t. Di Francesco), Destro (dal 40’ s.t. Floccari), Mounier (dal 33’ s.t. Mbaye). All. Donadoni

ARBITRO: Pasqua di Tivoli

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *