Un girone dopo, ritroviamo il Brescia


Ripercorriamo la stagione del prossimo avversario del Bologna, il Brescia contro cui all’andata i rossoblù vennero sconfitti al Dall’Ara in rimonta per 2-1

– di Massimo Righi –

Il tecnico del Brescia, Alessandro Calori (ph. Zimbio)

Il tecnico del Brescia, Alessandro Calori (ph. Zimbio)

Andamento – Il Brescia occupa il penultimo posto in classifica nell’attuale serie B con 31 punti, figli di 9 vittorie, 10 pareggi, 15 sconfitte e 6 punti di penalizzazione, decurtati dal Tribunale Federale Nazionale per una serie di violazioni amministrative. Nonostante le molteplici e dilaganti problematiche finanziarie e le contestazioni dei tifosi, le “rondinelle” stanno disputando un campionato onorevole. Dopo un girone d’andata in cui la squadra lombarda ha venduto cara la pelle portando a casa anche un striscia utile di 5 partite consecutive senza sconfitte, in quello di ritorno il Brescia ha perso 7 partite su 13, arrivando a incassare anche 3 sconfitte di fila. Ciononostante, nell’ultimo impegno contro il Pescara in piena lotta playoff, il Brescia ha espugnato l’Adriatico per 3-2 grazie ad una tripletta di Corvia, rilanciando le pur vane speranze di arrivare quantomeno ai playout.

Cos’è cambiato – Sulla panchina del Brescia si sono avvicendati ben 4 allenatori differenti in 34 giornate. Il più longevo è stato Ivo Jaconi, in forza dall’inizio della stagione fino alla 18ma giornata, quando fu rilevato dall’ex giocatore bresciano Ivan Javorcic, rimasto in carica fino alla 22ma, per lasciare spazio ad un’altra vecchia gloria delle “rondinelle”, Salvatore Giunta che ha guidato la squadra fino alla 26ma giornata. Infine, la proprietà ha licenziato anche lui per affidare l’incarico all’ex difensore Alessandro Calori, ennesima vecchia gloria del Brescia. Dal calciomercato invernale, complici le difficoltà economiche, il Brescia ha inserito Tonucci in difesa e Matos in attacco, arrivati in prestito da Modena e Chievo. In uscita, l’unica cessione rilevante è stata quella del centrocampista uruguayano Olivera, prelevato dal Latina.

L’andata – Nella partita del Dall’Ara del 15 novembre scorso, il Brescia espugnò il campo bolognese con una prova convincente, approfittando di un Bologna impalpabile e messo continuamente sotto sul piano del gioco. Nonostante il gol del vantaggio segnato da Cacia, lesto a ribadire in rete una respinta di un incerto Minelli dopo un tiro di Buchel, nella seconda frazione il Brescia macina gioco e si rende pericoloso, capitalizzando gli sforzi con Caracciolo che all’83 gira in rete di testa un bel cross di Bentivoglio. Non passano nemmeno 5’ che Morosini ribalta il risultato con un destro che annichilisce la squadra di Lopez che non ha più le forze di riequilibrare le sorti della partita. Oltretutto, il Bologna perse per infortunio Buchel a causa di un fallo subito da Olivera che lo ha tenuto fuori dal campo per quasi 3 mesi.

Probabile formazione – Considerando che mister Calori ha cambiato spesso il suo modulo di gioco a seconda delle circostanze, svariando dal 3-4-1-2, al 4-3-3, o al 3-5-2, è probabile che contro i rossoblù Calori si affidi al 4-3-2-1 provato in settimana. Di certo mancherà lo squalificato Tonucci in difesa, mentre restano da valutare le condizioni di Andrea e Antonio Caracciolo e Sodinha. Infine, Benali è rientrato in gruppo e potrebbe essere schierato in campo. Questo il possibile undici anti-Bologna: Arcari; Caracciolo, Coly, Di Cesare, Zambelli; Sestu, Budel (Benali), Scaglia;  Sodinha; Caracciolo, Corvia.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *