Un girone dopo, ritroviamo il Modena


Ripercorriamo la stagione del prossimo avversario del Bologna, il Modena contro cui all’andata i rossoblù impattarono 0-0 al Braglia in una partita avara di emozioni

– di Massimo Righi –

La coppia Pavan-Melotti alla guida del Modena (ph gazzettadimodena.gelocal.it)

La coppia Pavan-Melotti alla guida del Modena (ph gazzettadimodena.gelocal.it)

Andamento – Il Modena occupa il 12° posto in classifica a quota 37 punti. I gialloblù hanno sinora vinto 8 partite, pareggiate 13 e perse 9, segnando 27 reti e subendone 26. Dopo un discreto avvio di stagione in cui l’unico stop avviene sul campo di Lanciano, il Modena perde due gare consecutive a Varese e in casa con l’Avellino, riscattandosi successivamente con i successi colti contro Pescara e a Crotone, grazie al poker di Granoche. Dopo Natale, l’inizio del periodo negativo con 4 punti n 8 partite fra cui 3 sconfitte consecutive che costano l’esonero a mister Novellino. Con l’arrivo del tandem Pavan-Melotti, il Modena ha vinto 2 delle ultime 3 partite riprendendo quota.

Cos’è cambiato – Come anticipato, dopo una crisi di risultati iniziata con la sconfitta a Terni alla vigilia di Natale che ha dato il là a un lungo periodo di 8 gare senza vittorie, il Modena ha sollevato Novellino dall’incarico di allenatore, affidando la panchina al duo Pavan-Melotti, in carica dal 1 marzo: la nuova coppia di allenatori ha virato dal 4-4-2 classico usato da Novellino, al più offensivo 4-3-3. Dal calciomercato invernale, il Modena ha inserito in organico gli attaccanti Fedato e Garritano, provenienti dalla Sampdoria e dal Cesena in serie A, cedendo invece il difensore Tonucci al Brescia ed i centrocampisti Luppi alla Pro Vercelli, Nardini all’Ascoli ed Osuji al Varese.

L’andata – Nella partita d’andata, terminata 0-0, furono gli sbadigli ad avere la meglio su tutto il resto. Nonostante la grande aspettativa attorno alla gara infatti, in campo non capitarono episodi particolarmente rilevanti. Nel primo tempo il Modena chiese un rigore per un tocco di mano di Maietta, mentre nella ripresa Salifu tentò il gol dalla distanza; dopodiché, il Bologna con Acquafresca non ha inquadrato la porta da posizione favorevole, mentre Cacia venne atterrato in area da Zoboli, con più di un sospetto che fosse fallo. Al di là di questi episodi, la partita andò in archivio senza ulteriori emozioni.

Probabile formazione – Considerando che il Modena dovrà fare a meno degli squalificati Cionek e Calapai, oltre che dell’infortunato Manfrin, restano da valutare le condizioni del portiere Pinsoglio e del centrocampista Schiavone, entrambi non al meglio ma sui quali c’è un cauto ottimismo. Con il rientro di Martinelli e il più che probabile recupero di Granoche, il Modena dovrebbe schierarsi con i seguenti undici nel 4-3-3: Pinsoglio; Gozzi, Marzorati, Zoboli, Rubin; Martinelli, Salifu, Signori; Fedato, Granoche, Garritano.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *