Una brutta Virtus si arrende in casa a Cremona


Seconda sconfitta consecutiva per la Virtus che anche contro Cremona disputa una partita da dimenticare con il solo Ray a salvarsi almeno nelle statistiche

– di Marco Vigarani –

Allan Ray in azione contro Cremona (ph Virtus)

Allan Ray in azione contro Cremona (ph Virtus)

Per la seconda gara consecutiva la Virtus si è arresa praticamente dal primo minuto all’avversario concedendo a Cremona di prendere subito il largo con una prestazione decisamente opaca tanto a livello collettivo che di singoli interpreti: questo passo falso dovrebbe forse indurre a qualche riflessione anche in chiave mercato (soprattutto riguardo al futuro dell’oggetto misterioso Gilchrist). Neanche il tempo di iniziare che gli uomini di Pancotto scappano con due parziali importanti interrotti soltanto da una fiammata di Ray che però non trova assistenza da parte dei compagni osservando impotente i bianconeri sprofondare già alla prima pausa. L’ex Vitali è una spina nel fianco della Virtus che in difesa non trova i giusti equilibri concedendo qualsiasi soluzione ai lombardi sia dentro che fuori dall’area: il divario si allarga ulteriormente con Hayes e Clark che giocano in scioltezza mentre White e Gaddy non entrano mai in partita per la disperazione del pubblico dell’Unipol Arena. La botta definitiva per gli uomini di Valli arriva dopo l’intervallo lungo quando si giunge subito al perentorio -22 in grado di chiudere praticamente la gara, però a quel punto finalmente i bolognesi riescono a registrare meglio la propria difesa ed aumentando lo sforzo anche in attacco anche a ricucire lo strappo grazie alla buona mira di Fontecchio e Hazell. La Virtus si riavvicina addirittura fino a -4 ma le energie non sono sufficienti a completare la rimonta e nell’ultimo periodo Hayes ricomincia a trovare con facilità il canestro prima che gli errori clamorosi ed i falli dei bianconeri facciano calare definitivamente il sipario sull’incontro.

Al termine dell’incontro il tecnico Valli non ha nascosto la sua delusione dicendo: “Temevo questa gara dopo una brutta settimana e contro un avversario che ha messo in evidenza tutti i nostri limiti: poca potenza in area e troppi errori al tiro da tre. Siamo arrabbiati per una sconfitta che comunque ci sta e che ci ricorda che il nostro destino è quello di lottare in tutte le partite fino alla fine mettendo in campo sempre tutta la nostra energia. Purtroppo qualcuno dei ragazzi inizia ad essere stanco ma dobbiamo anche imparare ad essere più sporchi senza deprimerci per una sconfitta“.

GRANAROLO-VANOLI 70-83
(16-25, 32-47, 51-61)
GRANAROLO: Gaddy 2, Ray 22, Fontecchio 11, White 6, Gilchrist 3, Cuccarolo 5, Imbrò, Mazzola 8, Tassinari, Vercellino ne, Hazell 13. All. Valli.
VANOLI: Vitali 16, Hayes 20, Clark 17, Bell 10, Cusin 6, Gazzotti, Mian 2, Campani 1, Ferguson 11, Mei. All. Pancotto
Arbitri: Martolini, lo Guzzo, Calbucci.
NOTE: t2 BO 15/52 CR 20/38; t3 BO 5/17 CR 9/23; tl BO 25/32 CR 16/21; rimb BO 30-18 CR 34-5.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *