Una Virtus da battaglia doma Pistoia


La Virtus torna a vincere all’Unipol Arena per 76-72 contro Pistoia al termine di una vera battaglia in cui spiccano le fiammate di Fontecchio e Fells oltre all’ultimo quarto di Odom

– di Marco Vigarani –

Courtney Fells ha messo a segno 17 punti contro Pistoia (ph. Virtus)

Courtney Fells ha messo a segno 17 punti contro Pistoia (ph. Virtus)

La Virtus aveva disperatamente bisogno di punti per dare fiato alla panchina di Valli e soprattutto trovare un senso al lavoro svolto quotidianamente in palestra per poi cadere puntualmente nelle sfide di campionato. Gli infortuni sicuramente erano un ulteriore grave impedimento ma ora la classifica bianconera accoglie due punti in più assolutamente vitali nella corsa alla salvezza e nella definizione di un’identità di squadra ancora incerta. Pistoia era un avversario difficile dal punto di vista tecnico e fisico ma i bolognesi hanno condotto in porto una battaglia senza quartiere esteticamente non straordinaria ma sicuramente efficace. Il primo quarto si è aperto addirittura con quasi tre minuti complessivi di errori al tiro da entrambe le parti ed il punteggio ancora in bianco prima che la Virtus tentasse un timido allungo con due belle conclusioni di Fontecchio per poi subire il rientro dei toscani fino al 12 pari del primo break. Nella seconda frazione poi questo sostanziale equilibrio si è mantenuto tale con il numero 13 felsineo e Pittman abili a rintuzzare i canestri di Knowles e le bombe di Lombardi e Filloy fino alla nuova parità sul 34-34. Dopo l’intervallo lungo poi Gaddy e Fells hanno deciso di prendere in mano la situazione cercando lo sprint decisivo andando a segno anche dalla lunga distanza mentre il solo Moore non è bastato alla squadra di Esposito che però ha sfruttato bene qualche palla persa di troppo per restare a contatto ed operare anche un temporaneo sorpasso. Nel decisivo ultimo quarto tutti hanno provato a portare il loro mattoncino: Gaddy e Fells da una parte, Czyz e Kirk dall’altra ma soprattutto Odom, protagonista dello strappo decisivo dalla lunetta e dall’arco (vera novità di una Virtus finalmente abbastanza precisa col 39% dalla lunga distanza). Importante anche l’utilizzo dell’instant replay da parte di Valli su uno degli ultimi possessi con canestro prima che la gara prendesse definitivamente la strada bianconera facendo esultare il folto pubblico bianconero, felice nonostante una classifica che segnala ancora i bianconeri penultimi.

Tante sono le attenuanti riferibili a questa Virtus ma il carattere encomiabile non ha lasciato indifferente il traballante coach Valli che ha spiegato: “Era una partita dura alla quale abbiamo risposto nel modo giusto. Voglio ringraziare tutti miei ragazzi che hanno dato il 101% per reagire a queste giornate difficili ed alla assenza di Williams che ho visto addirittura in lacrime. Possiamo essere scarsi ma siamo uomini veri che danno sempre tutto quello che hanno. Oggi abbiamo vinto il primo tempo di una gara da completare mercoledì contro Cantù e ringrazio tutti quelli che ci hanno dato una mano, anche i bambini ai quali ho chiesto minuti importanti“.

OBIETTIVO LAVORO BOLOGNA – GIORGIO TESI GROUP PISTOIA 76-72
(12-12; 34-34; 51-49)
OBIETTIVO LAVORO BOLOGNA: Pittman 12, Fabiani 0, Vitali 7, Cuccarolo 0, Gaddy 14, Fontecchio 15, Mazzola 2, Oxilia 0, Fells 17, Penna 0, Odom 9. All: Valli.
GIORGIO TESI GROUP PISTOIA: Di Pizzo NE, Knowles 9, Mastellari 0, Antonutti 12, Lombardi 4, Filloy 4, Severini 0, Czyz 12, Blackshear 8, Moore 11, Kirk 12. All: Esposito.
Arbitri : Sahin, Weidmann, Ranaudo
NOTE: t2 BO 17/46 PT 25/44; t3 BO 9/23 PT 5/26; tl BO 15/24 PT 7/12; rimb BO 26-13 PT 31-13.

Classifica
Cremona, Reggio Emilia, Milano 18; Pistoia, Trento 16; Venezia, Sassari 14; Brindisi 12; Cantù, Avellino 10; Caserta, Varese, Pesaro, Capo d’Orlando, Bologna 8; Torino 6.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *