Unisalute Run Tune Up: appuntamento l’11 settembre


Presentata ieri l’edizione 2016 della Unisalute Run Tune Up in programma il prossimo 11 settembre, rinnovata nel main sponsor e nel percorso

Presentata ieri la nuova edizione della Rune Tune Up

Presentata ieri la nuova edizione della Rune Tune Up

Torna per la quindicesima volta la Run Tune Up, appuntamento fisso del podismo italiano e che ieri è stata svelata a poco più di due mesi dall’appuntamento fissato per domenica 11 settembre 2016. La prima grande novità riguarda il main sponsor che per i prossimi tre anni sarà Unisalute, la prima assicurazione sanitaria italiana con 5,3 milioni di clienti gestiti e quindi fortemente legata ai temi della salute e del wellness. Alla presenza anche del nuovo Assessore allo Sport del Comune di Bologna Matteo Lepore, il patron della Run Tune Up Stefano Soverini ha illustrato le novità: “Ci sarà una nuova partenza da via Rizzoli, che richiama quella della prima edizione: i concorrenti avranno alle spalle le Due Torri, simbolo della città. Abbiamo studiato un nuovo percorso, più filante ma sempre nel cuore del centro storico e sui viali, con l’aggiunta del passaggio al Parco della Montagnola. Al momento gli iscritti superano già quota 2000, e rappresentano 21 nazioni. Cureremo ancora la sostenibilità, proponendo un mix tra sport, salute e musica che vuole essere una nuova occasione per la città”. Come sempre infatti sono previste tante iniziative collaterali a partire dalla presenza di una band per ogni km del percorso a sostegno di Ageop grazie alla collaborazione con Beat-Bit Music School ma anche il sostegno al restauro della Basilica di San Petronio attraverso la vendita di panini con la mortadella. L’appuntamento è fissato per le 9.30 di domenica 11 settembre da via Rizzoli e sono attesi runners da tutto il mondo: a due mesi dalla manifestazione sono già iscritti atleti da Turchia, Polonia, Svizzera, Olanda, Ucraina, Croazia, Spagna, Belgio, Malta, Germania, Francia, Finlandia, Slovacchia, Gran Bretagna, ma anche da Usa, Cina e Sri Lanka.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *