Verso Castelrotto: il prototipo di Rossi e la squadra di Donadoni


Oggi al via il ritiro di Castelrotto con una squadra a disposizione di Donadoni mentre un anno fa Rossi aveva davanti agli occhi appena un prototipo

– di Marco Vigarani –

Inizia oggi il ritiro 2016 del Bologna, il secondo nella località di Castelrotto e noi ve lo racconteremo giorno per giorno dal vivo a bordocampo esattamente come dodici mesi fa. “Il Pallone Gonfiato” seguirà per voi l’intera preparazione della squadra di Donadoni in vista della prossima stagione ma già oggi è sicuramente possibile tracciare un primo bilancio tra la situazione attuale e quella affrontata dodici mesi fa dall’allora tecnico rossoblù Delio Rossi. In estrema sintesi si può dire che quello fosse un prototipo agli stadi iniziali mentre invece oggi partirà per l’Alpe di Siusi una squadra con un senso compiuto anche se da perfezionare prima dell’inizio delle ostilità.

Rossi al lavoro sul campo di Castelrotto (ph. Bologna)

Rossi al lavoro sul campo di Castelrotto la scorsa estate (ph. Bologna)

Lo scorso anno fecero le valige appena in 19, un numero assolutamente insufficiente anche solo per affrontare una partitella in famiglia tanto che dopo qualche giorno furono aggregati anche gli esuberi Garics, Paponi, Ceccarelli e Palomeque mentre già dal primo giorno uno degli atleti più in forma e motivati del gruppo apparve il club manager Di Vaio. Arrivato in Serie A per ultimo e messo in difficoltà tanto dalla scelta di rivoluzionare la rosa quanto dagli iniziali limiti stringenti di budget, il Bologna vedeva allora tra i suoi protagonisti anche due ex membri della squadra Allievi come Cozzari e Silvestro oltre ad un nuovo acquisto destinato teoricamente alla Primavera come Diawara che però sin dalle prime sgambate dimostrò di meritare la permanenza nella squadra dei grandi. Quella rosa era però completamente impreparata per affrontare il ritiro e di fatto per mister Rossi le due settimane di Castelrotto furono perse in tanto positivo lavoro fisico ma altrettanto inutile lavoro tattico. Basti pensare infatti a quanto potesse essere utile esercitarsi nel possesso palla finalizzato al tiro in porta con attaccanti come Acquafresca, Bianchi, Cacia e Mancosu che hanno poi vissuto la stagione altrove o tra panchina e tribuna.

Il Bologna di Rossi a Castelrotto 2015: 19 convocati
4 Portieri: Mirante, Da Costa, Stojanovic, Sarr
7 Difensori: Ferrari, Maietta, Masina, Mbaye, Morleo, Oikonomou, Rossettini
4 Centrocampisti: Cozzari, Diawara, Rizzo, Silvestro
4 Attaccanti: Acquafresca, Bianchi, Cacia, Mancosu
Infortunati e indisponibili: Gastaldello e Zuculini

Di Francesco (dx) con la maglia del Bologna in mano assieme a Fenucci (sx)

Di Francesco è uno dei volti nuovi che vedremo al lavoro da oggi pomeriggio a Castelrotto

Le condizioni in cui si troverà a lavorare da oggi mister Donadoni sono decisamente diverse innanzitutto sul piano numerico con 26 presenti ed altri in arrivo per la seconda settimana: un gruppo più che sufficiente per iniziare a lavorare subito con il pallone per studiare varie soluzioni tattiche. Il reparto forse più sguarnito sembra essere il centrocampo che ha già perso Diawara (assente al raduno odierno) ma verrà rimpolpato da Pulgar e probabilmente Nagy mentre la difesa dovrà necessariamente vedere qualche atleta uscire soprattuto nel pacchetto dei centrali (attualmente ben sei). A differenza dell’anno scorso, da oggi a Castelrotto si potrà e dovrà iniziare a cercare le giuste dinamiche soprattutto nel reparto offensivo che vede la presenza di numerosi uomini intercambiabili (ai quali si aggiungerà dalla prossima settimana anche Krejci) che permetteranno a Donadoni di dare imprevedibilità ed estro alla propria manovra offensiva. Il gruppo poi non solo si conosce già dalla scorsa stagione ma ha anche avuto a disposizione una settimana di pre ritiro per familiarizzare ulteriormente. Netta ovviamente la differenza rispetto a dodici mesi fa con questo Bologna, pur incompleto e migliorabile, che sembra molto più simile ad una squadra rispetto allo scorso ritiro.

Il Bologna di Donadoni a Castelrotto 2016: 26 convocati
4 Portieri: Da Costa, Mirante, Ravaglia, Sarr
9 Difensori: Boldor, Cherubin, Gastaldello, Krafth, Maietta, Masina, Mbaye, Oikonomou, Rossettini
7 Centrocampisti: Brienza, Crisetig, Diawara (NON PRESENTE), Donsah, Rizzo, Tabacchi, Taider
6 Attaccanti: Acquafresca, Destro, Di Francesco, Floccari, Mounier, Verdi
Infortunati e indisponibili: Ceccarelli, Ferrari, Morleo, Pulgar, Krejci

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *