Verso il Primo Tricolore, Pioli e la Lazio attivi per solidarietà


La Lazio di Pioli è stata la prima squadra a mobilitarsi per un’iniziativa di solidarietà legata al premio Primo Tricolore che il prossimo 7 gennaio premierà le capoliste di vari sport nazionali

– di Marco Vigarani –

Stefano Pioli il primo a firmare autografi per il premio Primo Tricolore

Stefano Pioli il primo a firmare autografi per il premio Primo Tricolore

Dopo la prima positiva esperienza dell’anno che si sta per concludere, tornerà nei primi giorni del 2016 il premio “Campione del Primo Tricolore“. Si tratta di un trofeo che viene assegnato il 7 gennaio, giornata nazionale del Tricolore italiano, alle squadre che in quel preciso momento saranno prime in classifica nei campionati sia maschili che femminili delle rispettivi discipline sportive. L’anno scorso sono state ben dodici le formazioni che hanno aderito a questo progetto ricevendo in premio la riproduzione della bandiera della Repubblica Cispadana del 7 gennaio 1797 che rappresenta il primo esemplare di tricolore italiano. Quest’anno la premiazione avverrà a Modena nei primi giorni di febbraio 2016 ma già dalla scorsa settimana si è messa in moto la complessa macchina organizzativa che, come l’anno scorso, avrà ovviamente una finalità benefica dopo che nei mesi scorsi i fondi raccolti nella prima edizione sono stati destinati alla ricerca sul mesotelioma della pleura. Il presidente della commissione ed ideatore del premio “Primo Tricolore” Salvatore Salerno in occasione della gara Sassuolo-Lazio dell’ultimo turno di Serie A ha fatto visita ai giocatori biancocelesti e al loro mister Stefano Pioli per iniziare a raccogliere gli autografi degli atleti che hanno dimostrato sensibilità ed attenzione nei confronti dell’iniziativa. Da Matri a Klose, da Mauri a Candreva, tutti si sono spesi in favore di questa iniziativa che nelle prossime settimane punterà a raggiungere anche tante altre realtà dello sport professionistico per preparare il terreno in vista della scelta dei vincitori.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *