Vettel spreca tutto a Hockenheim. Hamilton si avvicina al titolo


Nel GP tedesco Vettel passa dalle stelle alle stalle: un errore in frenata sul bagnato lo manda ko e permette a Hamilton di allungare in vetta alla classifica

di Alberto Bortolotti –

La delusione di Vettel dopo l’uscita di pista che ne compromette la corsa iridata (ph. Zimbio)

Sebastian Vettel si morde le mani per l’errore, causato dalla pista bagnata, che lo ha posto fuori gara a Hockenheim mentre era in testa: “Credo che le gomme da asciutto fossero ancora le migliori, anche se le mie non erano fresche, quindi era un pochino più difficile gestire la situazione per me. Ho commesso un piccolo errore, ma l’ho pagato in maniera enorme: ho frenato un pochino troppo tardi, si è bloccato il posteriore e sono finito fuori pista. Come ho detto, ho sbagliato io, ma non è stato l’errore più grosso della mia carriera, anche se è stato uno dei più pesanti della mia carriera: lo è stato l’impatto sulla gara. E’ per questo che è deludente, perché credo che avessimo la gara in tasca”.

Restiamo alla corsa. E’ stato un week-end da mani nei capelli. Quelle di Hamilton dopo la qualifica, quelle di Vettel dopo l’errore che lo ha tolto di gara, primo zero della stagione, quelle di John Elkann per la vicenda Marchionne che incide, e non poco, anche sulla Ferrari.

Nonostante la partenza arretratissima (e un’indagine post gara che pone in dubbio la sua correttezza assoluta), vince Hamilton e pone una serissima ipoteca sul successo nel Mondiale. A podio vanno il suo compagno Bottas e Raikkonen, mai troppo lesto ad approfittare dei problemi altrui. Siccome si vagheggia una conferma…beh, pensateci bene.
La pioggia causa una discreta ecatombe e alla fine a punti vanno Verstappen, Hulkenberg, Grosjean, Perez, Ocon, Ericsson, Hartley.

In classifica i punti di vantaggio dell’inglese sul tedesco sono ora 17, e nei costruttori la Mercedes è a +8 dalla Ferrari.

Anche Raikkonen esprime un grande rimpianto: “Avevamo buona velocità ma riuscire a superare era difficile. Non siamo mai riusciti ad avvicinarci abbastanza per provarci. Sono rimasto sorpreso da quanto sia stato difficile arrivare in zona DRS. Abbiamo perso una posizione quando ha iniziato a piovere perché una Haas non mi ha visto ed ho dovuto evitarla finendo largo. Sicuramente potevamo fare di più ed ottenere di più oggi, ma è andata così”.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *