Vicenza in Serie B, beffate Pisa e Juve Stabia


E’ il Vicenza a sorpresa la ventiduesima squadra che parteciperà alla Serie B. Ovviamente le polemiche non si sono affatto placate. Delusione per il Pisa, escluso per un documento non presentato

di Marco Vigarani

I tifosi del Vicenza in festa

I tifosi del Vicenza in festa

Sembrerebbe essersi finalmente conclusa, ma il condizionale è d’obbligo, l’annosa vicenda relativa al completamento dell’organico della Serie B iniziata ieri al Curi di Perugia. Ad aggiudicarsi il posto lasciato vacante dal Siena, dopo mesi di lavoro inutile fatto dal Novara, è stato il Vicenza che è stato ripescato e quindi domenica prossima scenderà in campo contro il Trapani. Immensa soddisfazione quella espressa ovviamente dal presidente biancorosso Tiziano Cunico che però non eccede nei festeggiamenti dicendo: “È una felicità enorme ma vogliamo essere pacati perché ci rendiamo conto che la promozione arriva attraverso un ripescaggio. Tuttavia questa grande possibilità è arrivata grazie alla tradizione storica del club, alle massicce presenze di tifosi anche in Lega Pro e grazie anche al fatto che questa società si è sempre comportata correttamente“. La decisione della FIGC infatti premia soprattutto il blasone di un club che in tempi recenti aveva già ricevuto in altre due occasioni un trattamento di riguardo con le riammissioni in Serie B avvenute nel 2005 e nel 2012.

La grande delusa a questo punto è il Pisa che, primo per punti nella classifica delle squadre che hanno presentato domanda di ripescaggio, si è visto escluso a causa dell’incompletezza della documentazione. Il club toscano presenterà ricorso ma intanto per bocca del direttore sportivo Pino Vitale dichiara: “C’è grande amarezza: il presidente Battini è una gran brava persona che meritava di andare in serie B, ma alcune persone che lavorano con lui sono dei dilettanti. Chi doveva occuparsi di consegnare a nome del Pisa il documento mancante dice però nessuno glielo ha mai chiesto“. Presentata infatti la documentazione in anticipo, i toscani non avrebbero ricevuto alcuna ulteriore comunicazione dalla FIGC che avrebbe consentito di adeguarsi alle richieste presentando anche l’ultimo tassello del puzzle: un certificato di collaudo dell’impianto di illuminazione.

Franco Manniello, presidente della Juve Stabia

Franco Manniello, presidente della Juve Stabia

La rabbia invece è sicuramente il sentimento che regna in casa Juve Stabia, squadra retrocessa sul campo in Lega Pro ma che sperava di poter disputare ancora il campionato di Serie B. Il presidente Franco Manniello conferma il suo spirito battagliero scrivendo su Twitter: “È incredibile, abbiamo subito un furto. Ma ora comincia la guerra“. Sulla pagina Facebook ufficiale si legge invece: “Oggi muore il calcio italiano. La pagina Facebook della Juve Stabia rimarrà chiusa a tempo indeterminato in segno di protesta contro il vergognoso ripescaggio del Vicenza Calcio in Serie B“. Ora la società campana potrebbe fare ricorso al Tar per ottenere almeno un cospicuo risarcimento per il danno procurato dalla decisione della FIGC.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *