Virtus a corrente alternata, ma la spunta Cremona


Dopo un primo quarto alla pari, Cremona scappa via ma la Virtus riesce con fatica a recuperare sbagliando però gli ultimi possessi. Lo scontro diretto per i playoff termina 81-76 per i lombardi

– di Marco Vigarani –

Hazell ha chiuso la gara di Cremona con 21 punti realizzati però solo in due quarti (ph. Virtus)

Hazell ha chiuso la gara di Cremona con 21 punti realizzati però solo in due quarti (ph. Virtus)

Nella sconfitta di Cremona sono andate in campo almeno quattro Virtus diverse e purtroppo nessuna di esse è riuscita a portare a casa due punti che sarebbero stati fondamentali per concretizzare il sogno dei playoff. Alla squadra arrembante e sicura del primo quarto ha fatto seguito quella spaurita del secondo periodo e di parte del terzo che però ha improvvisamente ritrovato la serenità e la lucidità per rimontare una partita ormai persa e passare in vantaggio: peccato che sul finale sia mancato il colpo del ko che avrebbe consentito ai ragazzi di Valli di completare una vera e propria impresa. In avvio la difesa bianconera ha dominato il campo impedendo a Cremona di trovare canestri facili mentre in attacco Hazell ha dato libera espressione al suo intero repertorio con 12 punti (più un fallo tecnico) mentre Clark riusciva soprattutto con il lavoro sotto canestro a rispondere colpo su colpo. Con il secondo quarto però la Virtus è scomparsa dal campo segnando la miseria di 9 punti complessivi con una gestione pessima delle azioni offensive spesso prolungate vanamente fino al 24esimo secondo mentre invece Pancotto trovava anche soluzioni dalla distanza grazie a Bell, Mian e addirittura dalla riserva Mei. Sprofondata poi nel terzo periodo ad oltre venti lunghezze di distanza con una difesa colabrodo e pessime medie in attacco soprattutto da parte di un Ray ostinato, la formazione bolognese ha riacceso la luce con calma ritrovando ritmo in entrambe le fasi del gioco grazie allo spirito di sacrificio di Mazzola sotto le plance e di Fontecchio in marcatura ma soprattutto ritrovando punti da Hazell coadiuvato da Gaddy. Il numero 21 virtussino però è di nuovo scomparso nell’ultimo periodo quando l’ottimo pressing ha mandato completamente in confusione Vitali e compagni. Ray e Reddic hanno quindi ricucito definitivamente lo strappo operando il sorpasso sul 71-72 ma proprio loro nei convulsi minuti finali hanno avuto anche la colpa di non riuscire a finire una Cremona aggrappata ai soli Clark e Hayes. L’azione simbolo della gara è però stata forse firmata da White con uno splendido recupero su rimessa laterale vanificato subito da una frettolosa conclusione sbagliata invece di gestire il pallone, il cronometro e soprattutto l’inerzia della gara. Cremona si è quindi aggiudicata una gara pesante soprattutto in ottica playoff assicurandosi così il doppio confronto e lasciando la Virtus ad attendere speranzosa una vittoria di Avellino stasera su Pistoia per non perdere anche l’ottavo ed ultimo posto utile per la post season.

Dopo l’ennesima sconfitta in trasferta, il coach bianconero Valli ha dichiarato: “Abbiamo fatto tutto noi nel bene e nel male prima andando sotto di venti e poi rimontando alla grande e sprecando sul +2 l’opportunità di chiudere la partita. Non ho capito del tutto il metro arbitrale su certi contatti ma purtroppo il nostro problema è che ancora una volta, quando siamo andati in difficoltà, a Ray e Hazell si è chiusa la vena e hanno pensato di poter risolvere la partita da soli. Noi dobbiamo giocare come nella fase della rimonta: siamo una squadretta di bravi ragazzi ma non ragazzi bravi come a volte crediamo di essere. Sono davvero rammaricato perchè la gara che volevamo giocare è quella del secondo tempo e se davvero vogliamo entrare nei playoff dobbiamo capire che la palla va passata“.

VANOLI CREMONA – GRANAROLO BOLOGNA 81-76
(25-25; 47-34; 65-56)
VANOLI CREMONA: Daniel 11, Hayes 13, Gazzotti 2, Vitali 11, Mian 5, Campani 6, Ferguson 2, Mei 3, Clark 15, Bell 13. All. Pancotto
GRANAROLO BOLOGNA: White 9, Cuccarolo 0, Gaddy 11, Imbrò 0, Fontecchio 6, Mazzola 6, Benetti NE, Hazell 21, Ray 15, Reddic 8 (3/3, -, 2/2). All. Valli
Arbitri: Mattioli, Sardella, Aronne.
NOTE: t2 CR 22/45 BO 22/40; t3 CR 6/21 BO 8/27; tl CR 19/23 BO 8/14; rimb CR 26-16 BO 25-11.

Classifica
Milano 46; Reggio Emilia, Venezia 38; Sassari 34; Trento 32; Brindisi 30; Cremona, Bologna 24; Pistoia, Roma, Cantù 22; Capo d’Orlando, Varese, Avellino 18; Pesaro 14; Caserta 9.
(Avellino e Pistoia una partita in meno; Bologna penalizzata di due punti, Caserta penalizzata di un punto).

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *