Virtus ancora bella in casa: anche Caserta va ko


Secondo successo interno per la Virtus che supera 79-73 Caserta grazie ad una grande partita di Mazzotta e alle prove positive di Ray e Imbrò

– di Marco Vigarani –

Imbrò in azione durante la sfida contro Caserta (ph. Virtus)

Imbrò in azione durante la sfida contro Caserta (ph. Virtus)

Vince e convince la Virtus formato casalingo con un vantaggio conservato sin dai primi minuti di gara e amministrato con intelligenza e sangue freddo contro una Caserta che ci ha provato aggrappandosi al talento realizzativo di Young. Valli sceglie di dare subito fiducia a Fontecchio che lo ripaga con i primi punti importanti di una gara aggredita subito da entrambe le formazioni che trovano con più facilità il canestro da fuori piuttosto che entrando in area. La difesa bianconera fa subito la differenza ancora grazie agli italiani con Imbrò e Mazzola subito in evidenza ai quali nel secondo quarto fanno compagnia finalmente anche gli americani anche se brilla la giocata di Imbrò per Fontecchio con un alley oop che fa esplodere la Unipol Arena. I campani si aggrappano come sempre a Young riuscendo anche a rientrare ad una distanza ragionevole prima che una bomba di Portannese riapra nuovamente il divario prima dell’intervallo di metà gara. Nel terzo periodo sale definitivamente in cattedra Mazzola a rimbalzo mentre per Caserta è Gaines a cercare di sostenere il tentativo di rimonta degli uomini di Molin che restano quasi sempre oltre distaccati di oltre dieci punti. Con un Ray sempre concentrato ed un Fontecchio bravo a gestirsi tanto in difesa quanto in attacco, la Virtus trova però ancora nel finale il contributo di White con canestri che spengono l’ultimo fuoco degli ospiti ed una stoppata decisiva. Gli ultimi minuti vedono i bianconeri amministrare con una certa maturità il vantaggio ringraziando anche la mira storta dalla lunetta dell’ex Michelori e condurre in porto un’altra vittoria meritata e importante per arrivare al più presto a centrare l’obiettivo della salvezza.

C’è sollievo a fine gara nelle parole di coach Giorgio Valli che dice: “Questo successo è frutto dello spirito di squadra perchè sapevo che non sarebbe stato facile ma siamo stati bravi e determinati a reagire ai loro tentativi di rimonta. Avere tre italiani tra i quattro giocatori che hanno chiuso la partita in doppia cifra è motivo di orgoglio. Comunque dobbiamo ancora migliorare sotto tanti punti di vista a partire dalle basse percentuali nei tiri liberi. Sono contento di queste due vittorie fondamentali conquistate in casa perchè ora inizia un ciclo durissimo a novembre“.

GRANAROLO BOLOGNA – PASTA REGGIA CASERTA 79-73
(23-14; 42-29; 56-45)
GRANAROLO BOLOGNA: White 4, Cuccarolo 0, Gaddy 8, Portannese 3, Imbró 10, Fontecchio 10, Mazzola 18, Benetti NE, Hazell 2, Gilchrist 8, Ray 16, Cattapan NE. All. Valli.
PASTA REGGIA CASERTA: Howell 15, Gaines 11, Mordente 6, Young 33, Vadi NE, Tommasini 0, Michelori 2, Sergio 0, Moore 4, Scott 2. All. Molin.
Arbitri: Sabetta, Bartoli, Quarta
Note: t2 BO 24/40 CE 25/45; t3 BO 6/21 CE 3/22; tl BO 13/25 CE 14/20; rimb BO 29-12 CE 24-12.

Classifica
Milano 6; Brindisi, Sassari, Venezia, Cremona, Reggio Emilia, Varese, Roma 4; Bologna, Trento, Cantù, Pistoia, Avellino 2; Capo d’Orlando, Caserta, Pesaro 0.
(Sassari e Brindisi con una partita in meno, Bologna penalizzata di -2).

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *