Virtus contestata ma finalmente torna Ray


I tifosi Virtus ieri hanno contestato la squadra durante l’allenamento a causa dei pessimi risultati e della classifica preoccupante. Sono però arrivati segnali confortanti da Allan Ray

– di Marco Vigarani –

Lo striscione esposto dal gruppo Vecchio Stile

Lo striscione esposto dal gruppo Vecchio Stile

Il mondo Virtus continua ad essere in fermento, la sconfitta di Capo d’Orlando ha scoperchiato una sorta di vaso di Pandora alimentando una critica feroce e, per quanto giustificabile, sostanzialmente indiscriminata. A parlare oggi è la paura di vedere la squadra bianconera passare in pochi mesi dalla gloria effimera dei playoff ad una retrocessione sul campo inedita ed impronosticabile che macchierebbe in modo indelebile l’orgoglio ed il blasone virtussini. Il timore di non farcela a difendere questa Serie A ha generato in questi giorni attorno alla Virtus un clima di sfiducia piuttosto pesante che dovrà essere cancellato da una prova vigorosa sul parquet martedì prossimo contro Pesaro e soprattutto ha indotto diversi tifosi a cercare un confronto con i responsabili del disastro attuale. I primi ad ottenere un chiarimento con squadra e staff tecnico sono stati gli esponenti del gruppo Vecchio Stile che avevano già appeso un paio di eloquenti striscioni fuori dalla palestra di via dell’Arcoveggio nell’immediato postpartita mentre invece ieri è stato il turno di una ridotta delegazione dei Forever Boys, protagonisti nel corso dello scrimmage contro Imola di un rumoroso ingresso in palestra con cori ed una scritta molto chiara: “In casa sboroni, in trasferta coglioni: onoratela!“.

Allan Ray in campo contro Imola (ph. Virtus)

Allan Ray in campo contro Imola (ph. Virtus)

Vedremo se queste iniziative isolate, unite ad una presa di posizione netta ed estremamente critica da parte della proprietà (prima Crovetti poi Basciano e quindi, in privato anche Fornaciari), porteranno ad un buon risultato già dalla prima occasione utile ma intanto il mondo virtussino tira comunque un sospiro di sollievo grazie alla prestazione fornita ieri da Allan Ray. Reduce dall’intervento di pulitura del menisco e relativo periodo di convalescenza, ieri nello scrimmage contro la formazione di coach Ticchi il capitano virtussino ha siglato 11 punti superando ad esempio compagni come Gaddy, Fells e Odom: si tratta di un primo ma importante passo avanti verso un ritorno a pieno regime dell’uomo intorno al quale era stato impostato un programma biennale e che in stagione non ha praticamente mai visto il campo. Lo stesso Ray ha ammesso poi di avere avuto buone sensazioni in campo e chiesto pazienza ai tifosi promettendo massimo impegno da parte del gruppo per riscattare le pessime prestazioni fornite in trasferta: “Nessuno si sta tirando indietro – ha detto – inoltre io ho sempre detto che la Virtus è la mia casa e questo è lo stesso messaggio che ho cercato di trasmettere ai miei nuovi compagni perchè amo questa la maglia“.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *