Virtus di nuovo corsara a Roseto: è semifinale contro Ravenna


La Virtus ritrova finalmente Umeh e sbanca di nuovo Roseto 83-97 in Gara 4 di playoff e vola in semifinale contro Ravenna

– di Marco Vigarani –

Umeh finalmente decisivo nella serie contro Roseto (ph. Resto del Carlino-Ciamillo/Castoria)

Dall’inferno al paradiso in una settimana: la Virtus ritrova il sorriso sette giorni dopo il ko interno che aveva inaugurato la serie contro Roseto. Riequilibrata subito la lunga sfida martedì, i bianconeri hanno poi piazzato due autorevolissimi colpi esterni chiudendo la pratica sul 3-1 e prendendosi la semifinale con l’insidioso derby regionale contro Ravenna. Unita al passaggio del turno, dall’Abruzzo arriva però anche la splendida notizia del risveglio di Umeh, bomber designato delle Vu Nere finora colpevolmente assente dalla serie.

È proprio l’esterno americano a pigiare subito sull’acceleratore sin dal primo quarto in compagnia dell’altro americano Lawson ma i padroni di casa rientrano per due volte in partita con Fultz e Sherrod ma la Virtus ha il merito di continuare a giocare con determinazione e trattenere tutta l’inerzia della sfida. Dal secondo quarto si uniscono alla festa bianconera anche Spissu e Gentile insieme ad un utile Bruttini fino al +15 che stimola un accenno di reazione abruzzese prontamente spento dalla difesa di coach Ramagli che riesce a tenere gli avversari sempre sulla doppia cifra di svantaggio. Dopo l’intervallo lungo ecco che però i ragazzi di Di Paolantonio cercano davvero di rientrare in partita trascinati da Smith e nella seconda parte della frazione tornano praticamente a contatto nonostante la generosità del consueto Ndoja e alla lucidità di Spissu. Nell’ultimo e decisivo quarto la Virtus riesce a piazzare il break decisivo mentre Roseto non trova più il canestro e si allontana in modo inesorabile fino al 83-97 finale che certifica una gara praticamente sempre comandata con autorità dalla Virtus.

Ecco le parole di un particolarmente loquace coach Ramagli: “Questa gara per Roseto è stata la degna chiusura di un campionato straordinario: complimenti a tutti. Noi abbiamo più o meno ripetuto Gara3, non perdendo mai il controllo sulla gara e senza farci prendere dall’ansia: vincere due volte su questo campo non è semplice. Eravamo in 32, ora siamo rimaste in 4: mi piacerebbe potermi godere questo sprint finale usando tutte le nostre qualità senza avere una spada di Damocle sulla testa. Dobbiamo essere consapevoli di aver fatto una grande stagione ed ora cerchiamo di coronare un sogno che il 17 agosto non era scontato. Abbiamo perso Gara1 per motivi psicologici più che fisici. Umeh? Il canestro più importante è stato il primo, abbiamo farlo concludere e ha segnato ma la sua prestazione nella serie va valutata sulle percentuali di Smith: ha giocato contro il miglior attaccante del campionato e si è focalizzato sulla difesa. Ravenna? Ci ha preso a schiaffi due volte quindi dobbiamo essere concentrati”.

VISITROSETO.IT ROSETO – VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 83-97
(19-26, 37-50; 65-74)
VISITROSETO.IT ROSETO: Smith 19; Cantarini 0; Piazza 0; Fultz 12; Radonijc 3; Fattori 8; Mei 3; Casagrande 5; Amoroso 8; Sherrod 23, D’Eustachio 2, D’Emilio 0. All. Di Paolantonio
VIRTUS SEGAFREDO: Spissu 23; Umeh 23; Spizzichini 0; Rosselli 5; Michelori 2; Oxilia NE; Gentile 14; Penna NE; Lawson 13; Bruttini 5. All. Ramagli

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *