Una Virtus fantastica sbanca Forlì e vola in finale: Ravenna è ko 3-0


Semifinale archiviata per 3-0 dalla Virtus che vince anche a Forlì 57-77 e spazza via Ravenna. Grande seconda metà di gara e solito immenso Lawson

– di Marco Vigarani –

Nessuno avrebbe potuto forse pronosticarlo alla vigilia di questa semifinale ma adesso non si può più nascondere: la Virtus ha conquistato con una prova di forza impressionante l’ultimo atto della stagione ed è evidentemente la squadra da battere, l’unica vera favorita per riprendersi un posto nel basket che conta. Ravenna deve accontentarsi dell’onore delle armi e di qualche applauso perchè le Vu Nere non hanno lasciato sul tavolo nulla chiudendo la serie sul 3-0 andando a conquistare anche la trasferta sin dall’impatto visivo: chiara predominanza per il bianconero a Forlì ed apoteosi finale.

Festa grande per la Virtus che vola in finale playoff (ph. Virtus)

All’inizio i ragazzi di coach Ramagli hanno cercato come sempre nella serie le conclusioni da vicino di Lawson trovando il californiano presente e letale ma gli avversari non hanno mollato il colpo e sono rimasti in partita grazie a Masciadri ed alla pessima mira da lontano della Virtus che poi nel secondo quarto ha rischiato il blackout partendo dalla parità sul 15-15. Immediato tentativo di fuga ravennate coadiuvato da qualche errore di troppo dei bianconeri che finiscono addirittura a -10 sotto i colpi di Sabatini e Tambone. Gentile riduce lo svantaggio fino al 33-25 dell’intervallo lungo e subito dopo la pausa la Virtus riprende a correre: c’è Lawson ma soprattutto c’è Ndoja che piazza due bombe vitali che scavano un fossato incolmabile spaccando le reni dei romagnoli. Quando poi in avvio di ultima frazione arrivano la bomba di Rosselli ed i canestri di un fino a quel momento evanescente Umeh si apre un corposo garbage time che consegna minuti ai giovani bianconeri ed una standing ovation meritata per tutti.

Soddisfatto ovviamente coach Ramagli che dice: “Dedico questa finale a Penna, Pajola, Petrovic e Oxilia. Giocheremo l’ultima partita di questo campionato comunque vada a finire e voglio ringraziare tutti: lo staff ed il pubblico che ci ha sempre seguito. La nostra maglia era in fondo al cassetto ma ora l’abbiamo tirata fuori e vogliamo portarla in un posto ancora migliore, dove deve stare. Sulla gara devo dire che nel secondo tempo abbiamo fatto una partita da squadra vera. Non mi importa contro chi saremo in finale, spero solo sia più stanca possibile. Dobbiamo prepararci bene, guardando le partite di Trieste-Fortitudo e gestire le energie sono quelle che sono“.

ORASI’ RAVENNA – VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 57-77
(15-15, 33-25; 45-51)
ORASI’ RAVENNA: Smith 12; Scaccabarozzi 0; Sgorbati 2; Chiumenti 2; Marks 9; Raschi 4; Masciadri 4; Tambone 13; Crusca 0; Seck 2; Sabatini 9. All. Martino
VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Spissu 6; Umeh 12; Pajola NE; Spizzichini 0; Ndoja 10; Rosselli 7; Michelori 2; Oxilia 2; Gentile 10; Penna 0; Lawson 27; Bruttini 1. All. Ramagli

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *