Virtus più forte dell’emergenza: vittoria pesante a Capo d’Orlando


Priva di Ale Gentile e Ndoja, la Virtus sbanca nettamente Capo d’Orlando 69-86. Cinque uomini in doppia cifra, 21 punti per Aradori

– di Marco Vigarani –

Grande prestazione di Lafayette ieri a Capo d’Orlando (ph. Ciamillo)

Mancavano due tasselli fondamentali al gioco della Virtus (Ndoja e Ale Gentile) ma nessuno alla fine se n’è accorto. Capo d’Orlando non è certamente avversario irresistibile ma i bianconeri hanno mostrato notevoli maturità e capacità di aggredire la partita dal primo istante meritando pienamente il successo. Il top scorer Aradori non nasconde i meriti del ritrovato Lafayette così come quelli di Stefano Gentile, Lawson e Slaughter. Il risultato è quello di una bella vittoria di squadra marcato Virtus: sei nelle ultime sette iniziano a non essere un caso.

L’avvio è stato assolutamente bruciante soprattutto grazie alle percentuali eccellenti da tre punti con Baldi Rossi, Lafayette ed Aradori a scavare subito il solco poi rivelatosi decisivo prontamente assistiti sotto canestro da Slaughter con un’immediata doppia cifra di vantaggio e 26 punti segnati nel primo quarto. Per i padroni di casa le uniche repliche sono affidate a Stojanovic, immarcabile ma solitario nel tentativo vano di rimonta e frustrato dai centri dei soliti Lafayette ed Aradori. Ancora bombe dopo l’intervallo lungo con Gentile ad unirsi alla festa ed un bell’apporto anche di Baldi Rossi su entrambi i lati del campo. Nell’ultimo periodo il ko di Stojanovic, nonostante l’effimero -10 dei siciliani, decreta di fatto la fine anticipata delle ostilità e la festa per i circa trenta tifosi bolognesi arrivati fino a Capo d’Orlando.

Soddisfatto al termine coach Ramagli: “È una vittoria importante, ce la portiamo a casa volentieri. Abbiamo costruito buoni tiri poi ovviamente prenderci subito un buon vantaggio ha pesato a maggior ragione quando loro hanno provato a riavvicinarsi. La partita però è stata costantemente nelle nostre mani: abbiamo meritato. Una squadra deve saper trovare le risorse per sopperire alle assenze nei momenti di difficoltà. Ci mancavano due giocatori e direi che tutti gli altri hanno risposto presente“.

BETALAND CAPO D’ORLANDO – VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA 69-86
(13-26, 37-47; 51-64)
BETALAND CAPO D’ORLANDO: Carlo Stella NE; Alibegovic 6; Maynor 4; Ihring 2; Atsur 11; Kulboka 3; Laganà NE; Delas 7; Campani NE; Wojciechowski 9; Stojanovic 24; Iklovev 3. All. Di Carlo
VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Jurkatamm NE; Umeh 6; Pajola 0; Baldi Rossi 7; Ndoja NE; Lafayette 19; Aradori 21; Gentile S. 12; Berti NE: Lawson 10; Slaughter 11. All. Ramagli

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *