Virtus scatenata: c’è anche Gentile e si lavora per Lawal


Secondo grande colpo per la Virtus neopromossa che si assicura il talento di Alessandro Gentile. Attesa anche per il centro Lawal

– di Marco Vigarani –

Alessandro Gentile in azione con la maglia dell’Italia (ph. Gazzetta dello Sport)

Se nel mondo del calcio i tifosi del Milan stanno vivendo un’estate da sogno, probabilemente quelli virtussini ne possono essere l’equivalente cestistico. La squadra bianconera neopromossa in A infatti non si è fermata all’acquisto di Pietro Aradori ma ha messo sotto contratto anche Alessandro Gentile, svincolatosi dal contratto con Milano. Il terzo figlio di Nando, dopo averlo ampiamente annunciato sui social network, raggiunge così in Virtus il fratello maggiore Stefano per aggiungere ulteriore qualità al roster affidato a coach Ramagli. Nato a Maddaloni il 12 novembre 1992, Alessandro ha iniziato a muovere i primi passi nel basket da giovanissimo prima nel Panathinaikos poi in Virtus e quindi a Treviso dove debutta tra i professionisti nella stagione 2009/10. Acquistato poi da Milano, inizia anche l’avventura in Nazionale ritagliandosi uno spazio sempre crescente sul parquet fino ad assaporare da vicino il sogno NBA con una chiamata al Draft del 2014 ma senza mai realizzare il sogno americano. In Italia però la guardia casertana vince il titolo con Milano come miglior cestista italiano ed MVP della finale per poi bissare il successo nel 2016 insieme a Coppa Italia e Supercoppa. Le ultime due esperienze sono al Panathinaikos e all’Hapoel Gerusalemme.

I sogni di gloria per i tifosi della Virtus però non sono ancora finiti visto che la dirigenza bolognese sta lavorando intensamente anche per rinforzare il pacchetto dei lunghi ed in particolare per raggiungere l’accordo con Shane Lawal, ex Barcellona. Anche se pure il centro nigeriano ha lanciato segnali su internet, la firma sul contratto arriverà soltanto dopo approfonditi esami clinici che confermino il pieno recupero dall’infortunio al tendine rotuleo di un anno fa.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *