Virtus subito travolgente in finale: Trieste sepolta 85-62 in Gara1


La Virtus domina Gara1 di finale playoff battendo nettamente Trieste. Splendido Umeh con i suoi 29 punti, con lui decisivo Lawson 

– di Marco Vigarani – 

Scatenato Umeh in Gara1 di finale playoff (ph. Schicchi)

Poco più di tredici mesi fa la Virtus rimediava la sua prima retrocessione ed oggi, dopo un anno di sofferenza e cambiamento, si è ritrovata al Paladozza per inseguire il coronamento del sogno. Sul parquet che ha assistito a tante vittorie, i bianconeri di coach Ramagli, sospinti da una cornice di pubblico rovente e rigorosamente total black, hanno affrontato la prima gara della serie di finale playoff contro Trieste e messo in chiaro il proprio intento: vincere e tornare al più presto in A1. Il successo delle Vu Nere è stato netto, limpido e per lunghi tratti travolgente con Umeh e Lawson finalmente decisivi insieme a spiccare su un gruppo solido anche se non scintillante come in altre occasioni. Ci sarà tempo in questa serie per mostrare coesione, fame e difesa arcigna. Per stasera basta e avanza questa grande vittoria.

Si parte subito forte con due bombe per parte, Umeh e Ndoja prendono in mano i bianconeri ben aiutati da un solidissimo Lawson mentre per i friulani Cavaliero e Green non concedono la fuga alla Virtus e due siluri estemporanei di Prandin riconsegnano la gara alla parità sul 22-22. Difese poco incisive portano al 27-24 di fine primo periodo ma i padroni di casa continuano a spingere sull’acceleratore e con la terza bomba di Umeh sfondano la doppia cifra di vantaggio sul 37-26 con un punteggio che continua a correre ben oltre i canoni della A2. Ramagli continua ad alternare di fatto i due americani fino agli ultimi minuti del secondo quarto quando prova a svegliare un mini blackout dei suoi chiedendo alla sua coppia di maggior talento di ricacciare indietro Trieste. Lawson risponde subito presente con quattro punti di fila che riconsegnano un vantaggio in doppia cifra alla Virtus. Si arriva all’intervallo lungo sul meritato 52-38 in favore delle Vu Nere costruito anche sul dominio a rimbalzo (21-12 il parziale di metà gara). Il terzo periodo si apre con una brutta notizia per coach Dalmasson che deve spedire in panchina Da Ros giunto in anticipo al quarto fallo ma per lui piove sul bagnato con la Virtus che scappa subito sul +22 (60-38 dopo 3′) sulle ali dei soliti Umeh e Ndoja. Rottura prolungata per Trieste che non trova un canestro per ben 6′ subendo un parziale di 15-0 e lasciando campo libero ai bianconeri che sforano brevemente anche i 30 punti di vantaggio. Dopo il grande sforzo i ragazzi di Ramagli si siedono nel finale di frazione senza però perdere l’inerzia della gara e chiudendo il periodo sul 70-50 nonostante qualche errore di troppo che prosegue anche in avvio di ultimo quarto. La Virtus ritrova la via del canestro dopo un digiuno di quasi otto lunghissimi minuti con le triple di Spizzichini e Ndoja che di fatto chiudono le ostilità in anticipo. Nel finale spazio e soddisfazioni anche per Oxilia e Penna a certificare un dominio netto per tre quarti di gara: la Virtus vince 85-62 nel tripudio del popolo bianconero.

Al termine della gara coach Ramagli predica calma: “Come immaginavo, abbiamo avuto bisogno di 5-6 minuti per trovare il ritmo poi ci siamo sciolti e abbiamo spaccato la gara nel secondo quarto. Poi però abbiamo spento la luce ma per fortuna anche loro hanno commesso qualche errore e noi siamo riusciti nonostante tutto a scavare di nuovo un buon distacco. In generale abbiamo fatto una buona prestazione difensiva, Lawson e Ndoja ci hanno aiutato a rimbalzo ma più in generale direi che stasera avevamo grande energia da mettere in campo e questo conterà anche in Gara2 più della tecnica e della tattica“.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA – ALMA TRIESTE 85-62
(27-24, 52-38;70-50)
VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA: Spissu 4; Umeh 29; Spizzichini 7; Ndoja 14; Rosselli 6; Michelori 0; Oxilia 2; Gentile 5; Penna 0; Lawson 18; Bruttini 0. All. Ramagli
ALMA TRIESTE: Parks 8; Bossi 7; Coronica 2; Green 12; Ferraro 0; Pecile NE; Baldasso 3; Simioni 0; Prandin 10; Cavaliero 7; Da Ros 3; Cittadini 10. All. Dalmasson

Print Friendly



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *