Virtus verso Torino: tutti uniti nella paura


Si avvicina la data della sfida tra Virtus e Torino, decisiva per la salvezza dei bianconeri. La dirigenza incontra i tifosi, Bucci richiama all’unità e la squadra va verso il ritiro

– di Marco Vigarani –

foreverboys virtus

Domenica la Virtus si gioca la permanenza in A1 contro Torino

Giunti a giovedì, i tifosi bianconeri iniziano a sentire ormai sempre più vicino l’appuntamento con la storia. Domenica la Virtus si ritroverà a lottare per la propria sopravvivenza in una gara da dentro o fuori, una situazione anomala se non addirittura unica per una squadra che nella sua lunga storia non ha mai conosciuto l’onta della retrocessione. Quella contro Torino sarà la partita più importante della storia recente del club bolognese e, paradossalmente, una delle più significative nonostante le tante finali vinte sia in Italia che in Europa. Vincere vorrebbe dire mettere un tassello rilevante ma non decisivo nella corsa alla salvezza, perdere porterebbe automaticamente a spalancare le porte dell’inferno di una A2 improponibile che, con il suo calendario lunghissimo e pieno di contraddizioni, promette di essere una pietra tombale sul prossimo futuro della Virtus. Risalire subito sarebbe un’utopia e l’unica vera speranza sarebbe attendere le disgrazie altrui pronti ad un ripescaggio. Il momento di disperarsi però non è ancora arrivato ed ecco come il mondo bianconero sta vivendo l’attesa di domenica.

Pietro Basciano, presidente della Fondazione (ph. Virtus)

Pietro Basciano, presidente della Fondazione, ha incontrato ieri i tifosi (ph. Virtus)

Ieri nel tardo pomeriggio la dirigenza ha incontrato i tifosi dei gruppi organizzati ed in particolare una delegazione di Forever Boys e Vecchio Stile per affrontare i temi caldi dell’attualità ma anche illustrare lo stato dell’arte della Fondazione e le prospettive per il domani tanto della squadra quanto della società. Pur non potendo nascondere inquietudine e delusione, i sostenitori virtussini hanno comunicato in tale sede la volontà di restare vicini alla squadra anche per la gara contro Torino per non far mancare il proprio apporto proprio nella gara decisiva all’Unipol Arena. A dirigere le operazioni nel pomeriggio ci ha pensato il presidente della Fondazione Pietro Basciano che per i prossimi giorni ha convocato un tavolo di indirizzo con i soci per tirare le somme tra chi ha voglia di restare parte attiva nella vita del club e chi invece, dopo le promesse disattese di questi mesi, ha intenzione di farsi da parte. Il presidente Alberto Bucci invece continua a spendersi in prima persona quasi quotidianamente chiedendo ai tifosi di riempire l’Unipol Arena domenica pomeriggio per dare una spinta decisiva alla squadra verso un obiettivo assolutamente vitale. Per l’occasione è stata scela una politica di prezzo decisamente popolare con biglietti a disposizione in qualsiasi settore a 15€ eccetto il parterre.

Valerio Mazzola attacca il canestro a Trento (ph. Virtus)

Preoccupano ancora le condizioni di Valerio Mazzola (ph. Virtus)

Resta però da capire quale sarà la faccia della Virtus sul campo visto che la disarmante facilità con cui è arrivata la sconfitta di Cantù ha spaventato più per la mentalità perdente mostrata dai ragazzi di Valli che per il punteggio. I bianconeri sembrano ormai allo sbando completo, un insieme di unità ben lontano dal concetto di squadra e completamente avulso da concetti come spirito di sacrificio e rispetto per la maglia. Senza cercare alibi per un tentativo clamoroso di suicidio, la gestione schizofrenica della rosa fatta di continui cambi di protagonisti nel pacchetto degli americani non ha certamente aiutato il lavoro di Valli così come i tanti infortuni che continuano a funestare la rosa bianconera. Destano ancora preoccupazione le condizioni di Abdul Gaddy che ormai da due settimane convive con un problema alla spalla destra che ne limita enormemente il gioco ma resta anche da capire se Valerio Mazzola potrà dare un contributo nonostante i guai legati a tendinopatia e borsite che lo affliggono ormai da svariati mesi. Oggi, dopo l’allenamento pomeridiano alla palestra Porelli, la Virtus raggiungerà l’Admiral Park Hotel di Zola Predosa dove resterà in ritiro fino a domenica lasciando l’albergo solo per gli allenamenti all’Unipol Arena.

Print Friendly, PDF & Email



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *