Ciclismo

Danilo Di Luca: "Avrei vinto lo stesso anche senza doping, ero il più forte. Pantani un fenomeno sui pedali"

L'ex ciclista Danilo Di Luca ritorna a parlare del doping nell'intervista rilasciata al Corriere della Sera. Ecco le sue dichiarazioni

Giuseppe Biscotti
18.10.2020 11:14

Danilo Di Luca si racconta al Corriere della Sera. L'ex ciclista professionista abruzzese è ormai noto da qualche anno per le sue ammissioni sul doping nel ciclismo. D'altronde lui è l'unico ad essere stato squalificato a vita insieme a Lance Armstrong. Intervistato dal quotidiano nazionale, Danilo Di Luca è ritornato a parlare dell'argomento scottante: "All’epoca tutti facevano quello che bisognava fare per vincere. Nel mio ciclismo era impossibile riuscirci senza doping: se volevi risultati, dovevi adeguarti o mollare tutto. Non posso dire che l’Epo facesse bene, ma c’era modo e modo di assumerla: se ti facevi il giusto, non rischiavi. Chi esagerava o faceva le trasfusioni da solo si giocava la vita: di esempi ce ne sono fin troppiVincevo perché ero il più forte. Se nessuno di noi si fosse dopato, avrei vinto lo stesso come avrebbe vinto Pantani, un fenomeno molto più forte di me: bastava vederlo pedalare per capire". 

 

Commenti

Eleven Sports gratis, Serie C gratuita per tutto il mese di novembre
Napoli, Padovan commenta: "Si candida ad essere l’anti-Inter. Il segreto? Ve lo dico io"