Serie A

Il Var salva la Roma: regolare il gol dell'Empoli. Rete di Piatek da annullare

Francesco Sampirisi
12.03.2019 11:29
Nonostante qualche errore, la 27^ giornata di serie A si è conclusa senza grosse polemiche. Regolare il gol dell’Empoli, da annullare quello di PiatekJUVENTUS - UDINESE (4-1): Arbitro Chiffi di Padova (Vivenzi – Liberti), IV° Pillitteri, VAR: Pasqua, AVAR: Tolfo. Divario tra le due squadre abissale con l’Udinese è rimasta negli spogliatoi in tutti i sensi. Nessuna azione di rilievo in questa gara. PARMA – GENOA (1-0): Arbitro Sacchi di Macerata (Peretti – Di Gioia), IV° Maggioni, VAR: Mariani, AVAR: Di Liberatore. Un solo episodio che determina il risultato. La rete di Kucka per il Parma nasce da un inesistente calcio d’angolo per i ducali (il protocollo VAR non prevede l’intervento) e il gol viene convalidato dopo un silent check per osservare la posizione di Rigoni sul tiro dell’ex genoano. In effetti la rete è valida, tutto questo al minuto 78. CHIEVO - MILAN (1-2): Arbitro Pairetto di Nichelino (Bindoni – Villa), IV° Ghersini, VAR: La Penna, AVAR: Fiorito. 31’: qualche dubbio sulla punizione al limite dell’area clivense che porta il Milan in vantaggio con Biglia. L’unica certezza è la posizione di Pairetto vicino all’azione. Paquetà sta tentando di calciare in porta dal limite dell’area e viene anticipato dall'attaccante veronese Leris ma l’arbitro assegna la punizione ai rossoneri. 57’: Pairetto e La Penna al VAR convalidano la seconda rete dei milanesi ma la segnatura è viziata da un fallo dell’attaccante polacco Piatek (che realizza) su Depaoli per gioco pericoloso. BOLOGNA – CAGLIARI (2-0): Arbitro Irrati di Pistoia (Marrazzo – Cecconi), IV° Abbattista, VAR: Valeri, AVAR: Meli. 33’: giusto il primo rigore dato al Bologna in questo campionato. Calcio d’angolo dalla destra, la palla arriva ad Orsolini che crossa quasi dal vertice dell’area sarda. Bradaric allarga il braccio destro e intercetta la sfera: Irrati non ha nessun dubbio e Pulgar mette in rete dagli undici metri. SAMPDORIA – ATALANTA (1-2): Arbitro Fabbri di Ravenna (Di Iorio - Posado), IV° Marinelli, VAR: Rocchi, AVAR: Tonolini. Un’Atalanta sempre più strepitosa non si ferma nemmeno a Genova. Gara vibrante, le decisioni di Fabbri sono state sacrosante e il VAR le ha confermate.INTER – SPAL (2-0): Arbitro Calvarese di Teramo (De Meo – Alassio), IV° Piccinini, VAR: Di Bello, AVAR: Vuoto. 31’: bravo Calvarese, con l’aiuto di Di Bello (VAR), ad annullare la rete di Lautaro Martinez che prima di realizzare controlla il pallone con un braccio. FROSINONE - TORINO (1-2): Arbitro Giacomelli di Trieste (Del Giovane – Schenone), IV° Marini, VAR: Guida, AVAR: Longo. Niente da evidenziare. SASSUOLO – NAPOLI (1-1): Arbitro Manganiello di Pinerolo (Valeriani – Colarossi), IV° Illuzzi, VAR: Doveri, AVAR: Preti. 68’: manca un rigore al Napoli per una spinta nei pressi dell’area di porta ferrarese su Milik da parte di Ferrari che si disinteressa del pallone. Nè Manganiello e tantomeno Doveri al VAR intervengono. FIORENTINA - LAZIO (1-1): Arbitro Orsato di Schio (Lo Cicero - Ranghetti), IV° Aureliano, VAR: Mazzoleni, AVAR: Paganessi. Una buona Lazio, passata in vantaggio con una bella rete di Immobile, non riesce a fare sua l’intera posta in palio. I viola con Muriel agguantano il pari. Nulla da segnalare. ROMA – EMPOLI (2-1): Arbitro Maresca di Napoli (Mondin – Bottegoni), IV° Minelli, VAR: Massa, AVAR: Costanzo. La “nuova” Roma di Ranieri, che sostituisce l’esonerato Di Francesco, vince ma non convince. La salva Massa (VAR) che induce Maresca ad annullare la rete del pareggio dei toscani per un discusso mani dell’attaccante svizzero Oberlin che da distanza molto ravvicinata, dopo un rinvio di Juan Jesus, impatta la sfera in modo del tutto involontario sul braccio. Tutto questo al minuto 88. Da segnalare che la Roma è rimasta in inferiorità numerica dall’80’ per l’espulsione di Florenzi causa doppia ammonizione. Esagerata la decisione di Maresca.

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Monchi-Di Francesco: duo imperfetto! I motivi del "pollex infestum" di Roma