Beppe Marotta Festival dello Sport (ph. web)
Calcio

Inter, Marotta rassicura i tifosi: "No altre cessioni eccellenti". E su Vlahovic rivela...

Tra i protagonisti del Festival dello Sport di Trento, l'ad dell'Inter Beppe Marotta ha parlato di calciomercato e dello scudetto. Le sue parole.

Barbara Ribaudo
08.10.2021 22:27

Beppe Marotta rassicura i tifosi dell'Inter. L'amministratore delegato dei nerazzurri, ospite del Festival dello Sport di Trento, ha affrontato diversi temi tra cui le prossime mosse di calciomercato e la vittoria dello scudetto dello scorso anno, oltre che il toto nomi che ha portato poi all'acquisto di Dzeko.

Inter, le parole di Marotta al Festival dello Sport di Trento

Dopo gli addii di Hakimi e Lukaku, Marotta ha detto: “Escludiamo altre cessioni eccellenti. Vogliamo rassicurare i nostri tifosi”. In questo modo, l'ad ha voluto zittire tutte le voci che vedevano Lautaro Martinez già sul mercato.

E sulla vittoria dello scudetto nella passata stagione ha dichiarato: “Che immagine mi viene in mente se ripenso al 2 maggio scorso? Quando abbiamo raggiunto la matematica certezza di aver colto un traguardo straordinario, non dico impensabile perché la convinzione quando si intraprende un percorso è sempre quello di ottenere il massimo. Lo scudetto mancava da tanti anni, è stata una vera e propria liberazione”.

Infine, sul dopo Lukaku ha dichiarato: "Come abbiamo scelto il nome per il dopo Lukaku? Noi facciamo sempre scout, e valutiamo le opportunità sul mercato. Dzeko era sicuramente un obiettivo prioritario, già cercato nella precedente stagione". L'Inter, però, aveva pensato anche al nome di Vlahovic: “Circostanze favorevoli e la promessa del suo presidente di partire a zero, ci ha aiutato, oltre alla serietà della Roma che ha mantenuto gli impegni presi col giocatore. Vlahovic? Ad oggi lo considero un grande talento, anche se per parlare di campione bisogna aspettare. Tra talento e campione c'è una bella differenza. Ci siamo anche trovati in una situazione negoziale molto impegnativa, anche se potevamo immaginare di arrivare a due attaccanti di questa caratura. L'obiettivo era Dzeko, il secondo era Vlahovic. Ci sarebbe stato anche un aspetto complementare, col giocatore esperto per l'immediato e il giocatore per il futuro. Sarebbe stato il massimo, ma siamo stati comunque felici dell'operazione Dzeko che ci ha dato garanzie nell'immediato”.

LEGGI ANCHE: Trofeo Yachine 2021, Donnarumma fa doppietta dopo la nomination al Pallone d'Oro

La Scuola Cattolica, streaming gratis? Dove vedere film completo
Juventus, Van Gaal: “De Ligt in crescita. Sta facendo dei progressi reali”