Calcio

Serie A: i top e i flop della 6^ giornata di campionato

Francesco Perna
01.10.2019 09:00
Ben 31 gol realizzati in questo turno di Serie A. L'Inter si conferma in testa a punteggio pieno grazie alla vittoria sulla Samp. Per il Milan è crisi neraLa sesta giornata si è aperta con la vittoria della Juventus sulla Spal. I bianconeri mantengono l'imbattibilità casalinga che dura da 24 gare. Presenza numero 903 per Gianluigi Buffon in carriera con i club in tutte le competizioni, superato Paolo Maldini (902). Consapevole, feroce e cinica. L'Inter targata Conte non fa prigionieri e continua a vincere. Nonostante il fiato sul collo della Juve, i nerazzurri si aggiudicano il delicato testa-coda con la Samp giocando tutta la ripresa in dieci e avvicinandosi nel migliore dei modi alla sfida col Barcellona e al big match con i bianconeri. Un risultato importante per sia da un punto di vista aritmetico che psicologico. Per la seconda volta nella sua storia, i milanesi hanno vinto tutti primi sei incontri stagionali disputati (la prima nel 1966/67, con Helenio Herrera). Antonio Conte è il quarto allenatore nell’era dei tre punti a vittoria a vincere tutte le sue prime sei gare (dopo Ciro Ferrara con la Juventus nel 2009, Rudi Garcia con la Roma nel 2013 e Massimiliano Allegri con la Juve nel 2014). Cinque sconfitte per i blucerchiati in questo campionato: non ne aveva mai perse così tante dopo le prime sei gare stagionali. Un'Atalanta splendente in tutta la sua bellezza dà una lezione di calcio al Sassuolo e si presenta così alla sfida di Champions League contro lo Shakhtar come meglio non poteva. E' il miglior inizio di sempre dal ritorno in Serie A per gli orobici, che si confermano miglior squadra del 2019 in termine di punti conquistati. I bergamaschi hanno vinto tutto le ultime quattro trasferte in Serie A, eguagliando il record del club nel massimo campionato. Nel 2019 solo il Manchester City (11) ha vinto più partite fuori casa dei nerazzurri (10) nei cinque maggiori campionati europei. Nel lunch match il Napoli batte il Brescia al San Paolo e rialza la testa dopo il ko contro il Cagliari. Applausi ai lombardi, che confermano le ottime impressioni date fino a qui e che si godono la prima rete stagionale di Mario Balotelli, che non segnava nel massimo campionato da settembre 2015. Dries Mertens ha realizzato 21 gol nelle ultime 20 sfide contro squadre neopromosse. La Lazio torna a correre e lo fa con una prestazione di qualità e senza i soliti blackout dell'ultimo periodo. Un poker per rialzare la testa, riportare compattezza e ridare convinzione alla squadra. Certo, il Genoa ci ha messo del suo per spianare la strada agli uomini di Inzaghi, ma i quattro gol rifilati ai rossoblu parlano chiaro. Un dominio totale. Sul piano del gioco e della personalità. Sergej Milinkovic-Savic è il più giovane centrocampista a vantare almeno 23 gol in carriera in Serie A. Si allunga a 12 la striscia senza successi dei liguri in gare esterne (6N, 6P). Peggio solo nel 2012 (13).Riscatto doveva essere e riscatto è stato, nonostante la solita mancanza di continuità nei 90 minuti. La Roma si lascia alle spalle la sconfitta contro l'Atalanta e lo fa grazie a un secondo tempo alla grande, dopo che nel primo i salentini avevano risposto colpo su colpo ai giallorossi, pericolosi soprattutto nelle palle da fermo ma troppo esposti alle ripartenze dei padroni di casa. I salentini hanno perso le prime tre partite casalinghe di questo campionato: nella loro storia avevano subito al massimo una sconfitta nelle prime tre gare. Kolarov non sbagliava un calcio di rigore in Serie A da marzo 2010; anche in quel caso l’errore arrivò contro una squadra pugliese, il Bari, quando vestiva la maglia della Lazio. Seconda vittoria stagionale per l'Udinese, che raddrizza la sua classifica battendo in casa il Bologna. Quattro dei sette gol subiti dai felsinei in questo campionato sono stati di testa: è la squadra che ne ha concessi di più con questo fondamentale. I friulani non mantenevano la porta inviolata per due partite di fila da dicembre 2018 (contro SPAL e Cagliari). Cagliari e Verona non vanno oltre il pareggio alla Sardegna Arena. Solo una volta nell’era dei tre punti a vittoria i sardi hanno collezionato più di 10 punti nelle prime sei giornate di campionato (11, nel 2011/12). Quarto gol in Serie A in carriera per Marco Faraoni del Verona, dopo i due realizzati con la maglia del Crotone e uno con l'Inter; di queste quattro reti tre sono arrivate in trasferta. Sconfitta pesante per il Milan, che crolla in casa contro la Fiorentina nel posticipo domenicale della sesta giornata. Per Giampaolo sono tre sconfitte consecutive in otto giorni e quattro k.o. nelle prime sei giornate: non accadeva dal 1938/39 e all'orizzonte non s'intravede nulla di buono. Erick Pulgar ha realizzato tutti gli ultimi 8 rigori calciati (3 su 3 con la Fiorentina). Il suo unico errore risale a gennaio 2018 contro il Torino (il primo calciato). Solo Massimiliano Allegri (4) ha vinto piú partite in trasferta a San Siro contro il Milan di Vincenzo Montella (3) nelle ultime 10 stagioni. Nel monday night il Parma conquista tre punti d'oro al Tardini, battendo per 3-2 il Torino al termine di una partita spettacolare. I ducali non vincevano due gare di fila da novembre 2018 (vittorie su Torino e Sassuolo, come nella competizione in corso). L'ultimo giocatore prima di Andrea Belotti a segnare almeno cinque gol in cinque stagioni consecutive con la maglia del Torino, era stato Francesco Graziani, tra il 1977 e il 1981.

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Bene Abisso e Volpi, giornata da dimenticare per Giua e La Penna