Serie A

Commisso: "Ringrazio Iachini, ma i risultati impongono un cambio. Prandelli è in grado di valorizzare la rosa"

Le parole del patron della Fiorentina Rocco Commisso sull'esonero di Iachini e sull'arrivo di Prandelli

Francesco Perna
09.11.2020 20:30

Rocco Commisso (Ph. Twitter)

Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai canali ufficiali del club toscano. Il numero della Viola ha commentato l'esonero di Iachini e l'arrivo del nuovo allenatore Cesare Prandelli. Queste le sue parole: " Prima di tutto voglio ringraziare personalmente Beppe Iachini, allenatore capace e determinato, che, nel momento più difficile della scorsa stagione, ha trascinato e guidato la squadra, col suo lavoro, la sua dedizione e il suo carattere. Purtroppo, gli attuali risultati impongono un cambio di guida tecnica, ma la mia stima e la gratitudine verso l’uomo e il professionista rimangono del tutto immutati. Voglio inoltre dare il mio personale benvenuto a Mister Prandelli. Riteniamo che le sue capacità, la sua storia professionale e la sua umanità, riconosciute e apprezzate da tutto il mondo del calcio, rendano Prandelli la persona più adatta a sedere sulla panchina viola. Ho condiviso la scelta della Dirigenza di puntare su Cesare Prandelli, quale nuovo tecnico, considerandolo il candidato ideale per le sue esperienza e la sua massima motivazione di tornare a lavorare per i nostri colori. Motivazione e decisione che ci aspettiamo di ritrovare in tutti i giocatori e in tutto l’ambiente che lavora intorno alla squadra. Mi auguro che il nuovo allenatore riuscirà a valorizzare e utilizzare al meglio la nostra rosa e, attraverso il gioco e ai futuri risultati che otterremo, a regalare nuove soddisfazioni alla città di Firenze e alla grande Famiglia Viola”.

Il nuovo tecnico della Fiorentina, Cesare Prandelli, verrà presentato domani, martedì 10 novembre, alle ore 13.00 in diretta streaming sui canali della Fiorentina. 

Commenti

Dove vedere Turris-Casertana, streaming gratis e diretta tv Serie C
#26 Si ferma Milano: zona rossa sotto canestro