Serie A

Dybala e Ronaldo affondano il Genoa: 1-3 al Ferraris e Lazio nuovamente a -4

Tutto facile per la Juventus contro il Genoa: gli uomini di Nicola reggono solo un tempo prima di cadere sotto i colpi di Dybala, Ronaldo e Douglas Costa

30.06.2020 23:05

Dybala e Ronaldo (ph. social)

Troppa Juventus per questo Genoa. Al Ferraris la squadra di Sarri domina dall'inizio alla fine e porta a casa tre punti fondamentali nella corsa scudetto. Nel primo tempo si gioca in una sola metà campo, gli uomini di Nicola si difendono con ordine concedendo poco o nulla alla Juventus, costretta a provarci con conclusioni dalla distanza. Perin, il migliore in campo dei suoi, ingaggia un duello con Ronaldo: il portoghese ci prova in più di una circostanza ma il portiere rossoblu è attento e dice no, sigillando il punteggio sullo 0-0 al termine dei primi 45 minuti. Nella ripresa il leit-motiv non cambia, la squadra di Sarri parte forte e dopo cinque minuti sblocca il punteggio: slalom e sinistro vincente dal limite dell'area di Dybala sul quale questa volta nulla può Perin. Il gol dell'argentino manda in confusione il Genoa, che commette l'errore di concedere troppo spazio a Ronaldo, il quale al minuto 55 trova il raddoppio grazie ad un bolide dalla distanza. Il Grifone non c'è e i bianconeri, padroni del campo, ne approfittano: reiterato possesso palla che consegna il 3-0 al minuto 73 grazie ad una prodezza del neo entrato Douglas Costa: doppio passo dal limite e palla all'incrocio dei pali dopo un sinistro a giro. Nel finale, complice un calo di attenzione degli ospiti, arriva il gol della bandiera dei padroni di casa: a siglarlo è Pinamonti, bravo a saltare De Ligt e a trafiggere il portiere polacco con un destro sotto la traversa. Negli ultimi dieci minuti la Juventus controlla senza particolari affanni e porta a casa una vittoria preziosa che scaccia nuovamente la Lazio di Inzaghi a -4.

Commenti

Edicola IPG: le prime pagine dei quotidiani del 1 luglio
Juventus, Bentancur: "Stiamo facendo bene, possiamo ancora migliorare. Manca ancora tanto per lo scudetto"