Donadoni: "Destro deve avere la giusta intensità, altrimenti è come gli altri"

Marco Vigarani
10.02.2018 11:35

Presentazione della sfida contro l'Inter e delle possibili scelte che potrebbero portare ad una nuova esclusione di Destro: parole e musica di Roberto Donadoni

- di Marco Vigarani -

Roberto Donadoni si presenta in sala stampa a Casteldebole alla vigilia della trasferta di Milano contro l'Inter e parte subito dall'analisi del momento delle due squadre: "Veniamo da due risultati consecutivi negativi e li vogliamo riscattare, andiamo lì con convinzione e poi vedremo. Faremo una partita di spessore e temperamento contro una squadra dotata di grandi individualità contro una squadra fino a poco tempo fa candidata al titolo ed ora in difficoltà. Icardi ed Eder sono giocatori molto differenti e lo sappiamo ma quello che mi interessa sono i nostri concetti. Non dobbiamo essere succubi dell'iniziativa degli avversari". Al Bologna manca da oltre due anni un colpo contro una big ma la riflessione in merito è più ampia: "Fare risultato contro una grande squadra è importante, tutti noi lo sappiamo però non deve restare una semplice ciliegina messa sulla torta: il grande salto di qualità arriva affrontando tutti gli avversari allo stesso modo con la coscienza di quello che sappiamo fare". Anche i problemi recenti della difesa vengono letti da Donadoni in modo differente: "Bisogna anche leggere gli ultimi gol subiti contro Napoli e Fiorentina: non è questione di reparto ma di situazioni di gioco e di collettivo. Un errore del singolo può anche esserci ma se la squadra si muove compatta allora si riesce a rimediare. Cambi di modulo? Durante l'anno si lavora e si cerca di migliorare. Non è questione di sperimentazione ma di cercare altre possibili soluzioni e cercare duttilità anche durante la partita". Infine ecco le risposte sulle scelte di formazione e soprattutto sulle potenziali esclusioni eccellenti, su tutte quella di Destro: "È possibile vedere in campo quelli che vedo che hanno voglia, grinta e determinazione. Privilegio gente entusiasta che magari sbaglia ma che comunque ha questo atteggiamento. Orsolini si è sempre allenato in questi mesi pur giocando poco però è convinto e determinato quindi mi piace il suo atteggiamento ed è in lizza per un posto. Destro lo vedo sempre sulla falsa riga di quello che è stato il suo andamento negli ultimi tempi, non è cambiato molto. Ripeto che il suo è un discorso legato alla determinazione in quello che: non è quello che fai ma come lo fai. Quando ha la giusta intensità, Mattia è un giocatore sopra la media, altrimenti diventa uno come gli altri. Gli investimenti sono stati fatti in tempi diversi pensando che questa rosa possa diventare più forte però bisogna sempre fare i conti con la quotidianità, l'impegno, la dedizione nel fare le cose. Se una volta sta fuori Destro o Di Francesco può dispiacere ma rientra nell'ordine delle cose e tutti lo sappiamo. Come ad esempio non capisco quando vedo un giocatore sostituito che lascia il campo lamentandosi visto che è una mancanza di rispetto in primis per il compagno che ha lavorato tutta la settimana come te".

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Spalletti bestia nera di Donadoni ma l'Inter è ad un passo dal record negativo