Moto GP

Rossi: "È pericoloso correre a Le Mans in ottobre"

Valentino critica con una battuta scherzosa la scelta di correre in Francia in autunno

Francesco Perna
09.10.2020 21:00

Valentino Rossi (Ph. Zimbio)

Venerdì pieno di emozioni contrastanti per Valentino Rossi a Le Mans. Il Dottore prima chiude al 5° posto nella classifica combinata delle prove libere, ma poco dopo gli viene cancellato il giro per bandiera gialla e scivola al 12° posto. A seguire il pilota Yamaha si prende un grande spavento davanti alla tv, quando vede la caduta del fratello Luca durante le Libere 2 della Moto2. Per fortuna nessuna frattura per Marini, ma la dinamica dell’impatto ha fatto preoccupare tanto Rossi, che ha monitorato costantemente gli sviluppi sulle condizioni del pilota dello Sky Racing Team VR46. Al termine della giornata, Valentino fa il punto al microfono di Sandro Donato Grosso: "Condizioni difficilissime, il nostro turno è stato veramente tosto: oltre alla pista metà asciutta e metà bagnata, c’era anche tanto freddo. Bisogna stare molto attenti in tutte le curve, si deve guidare tra le pozzanghere. Inoltre la pista fa davvero fatica ad asciugarsi, è stato davvero difficile. Se ci fanno andare a luglio a Jerez e a ottobre a Le Mans, allora forse abbiamo fatto qualcosa di male e ce l'hanno fatta pagare. Certo, il calendario dipende dal coronavirus, ma la pista di Le Mans a ottobre è un po' pericolosa, come Phillip Island. Non è il periodo migliore dell’anno per correrci. Queste non sono le mie condizioni preferite, ma sono contento perché comunque sono riuscito ad andare bene. Purtroppo mi hanno tolto l’ultimo giro, altrimenti avrei chiuso al 5° posto, quindi direi che non è male"

Commenti

Eleven Sports gratis, Serie C gratuita per tutto il mese di novembre
Moto2, ecco il video del terribile incidente di Luca Marini