Soprese in Australia: vince Vinales davanti a Iannone e Dovizioso

Alberto Bortolotti
29.10.2018 09:30
Il Gp in Australia si conclude con un podio a sorpresa: Vinales vince davanti a Iannone e Dovizioso che consolida almeno il secondo postoNon c'è miglior pilota di Andrea Dovizioso per analizzare la complessità di una gara. Meglio anche di Rossi, troppo ripiegato, negli ultimi anni, sulle tematiche interne a Yamaha. Dall'Australia escono per lui solo note positive: "Siamo messi molto meglio dell'anno scorso e meglio della prima metà di stagione, ma io la voglio vedere che non basta, perché dobbiamo continuare a lavorare e a portare a casa il massimo. La Yamaha? Non li vedo ancora così in forma e questo lo dimostra il calo di Valentino. Quando l'ho visto davanti all'inizio della gara pensavo che fosse un casino, perché se era lì subito ero convinto che alla fine ne avrebbe avuto più di noi. Invece l'ha accusato, invece Maverick no. Cioè, anche Maverick, ma meno. Semplicemente, la gara di oggi conferma che a livello di telaio fanno paura e nei curvoni veloci possono essere molto veloci. Però ci sono altri aspetti su cui non sono a posto. Secondo me comunque è una risposta importante, che avrà il suo effetto, soprattutto per Maverick, che aveva bisogno di questo risultato". A Phillip Island la Motogp è stata una gara a eliminazione. Non partito Lorenzo, fuori Zarco e Marquez, invisibile Rossi, sesto alla fine (dietro a Rins, davanti a Miller e Morbidelli), torna sui grandi schermi Viñales, che interrompe finalmente, dopo 25 GP di buio, l’astinenza da vittoria della Yamaha. Maverick vince davanti a Iannone e Dovizioso, che consolida il secondo posto in classifica. Anche la Ducati può sorridere dopo un buon bottino di punti e fiducia. Il 3° posto di Dovizioso e il 4° di Bautista, sono preziosi per il mondiale marche. In Moto2 tutto rimandato, vince Binder su Mir, ma Bagnaia, dodicesimo, conserva un margine importante su Olivera, undicesimo: è a + 36. Quanto a Moto3, vince Arenas su Di Giannantonio, ancora in corsa per il Mondiale con 195 punti. Davanti a lui ci sono Bezzecchi a 203, caduto, e Martin a 215, dopo un quinto posto.

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Il Messico a Verstappen, il Mondiale a Hamilton