Ferran Torres, l'ex Valencia è ormai vicino a vestire la maglia del Barcellona
Calciomercato

Ferran Torres al Barcellona, ci siamo: Guardiola conferma la trattativa

L'esterno d'attacco spagnolo passerà ai blaugrana per 55 milioni più 10 di bonus, mancano solamente gli ultimi dettagli

Filippo Rocchini
23.12.2021 15:32

Ferran Torres è a un passo dal Barcellona. A confermarlo è lo stesso Pep Guardiola, tecnico del Manchester City: 

"Se Barcellona e Real Madrid vogliono un giocatore, è difficile dire di no; sono le squadre più forti del mondo. Lui [Ferran] è spagnolo, il Barcellona lo vuole, ha detto che vuole andarsene, io ho detto puoi andare. Ho chiamato Txiki, il suo agente fa un accordo. Ho sentito che l'accordo è vicino".

"Non siamo un club come gli altri quando i giocatori vogliono andarsene e il proprietario dice 'resta'. Se vuoi andartene perché non sei felice qui e credi che sarai felice da qualche altra parte, devi andare. La carriera è breve, un giorno è finita. Se lui [Ferran Torres] vuole andarsene, assolutamente nessuna delusione. Sono contento per lui".

Siete d'accordo con il punto di vista di Pep Guardiola?

Manca soltanto l'ufficialità: stando a quanto riportato da Marca, la società blaugrana ha messo sul piatto 55 milioni di euro per convincere il Manchester City, a cui verranno aggiunti eventuali 10 milioni di bonus.

Diverse la clausole da raggiungere, tra cui la vittoria della Champions League e almeno il 70% di presenze del giocatore nella competizione internazionale. Inoltre sono stati inseriti eventuali bonus sulla vittoria del Pallone d'Oro da parte dell'ex Valencia o per una futura cessione superiore ai 100 milioni di euro. Inoltre i 55 milioni verranno versati al club inglese in quattro rate.

LEGGI ANCHE: Sconcerti critica il Milan: "Calhanoglu senza rigori ha segnato più di tutto il centrocampo rossonero"

 

 

Catastrofe VAR e Arbitri: tutti i risultati falsati in Serie A, Serra nuova star nel club degli "orrori arbitrali"
Massimo Ferrero potrà passare il Natale a casa: sarà ai domiciliari