Serie A

Mughini attacca: "Ormai gli arbitri preferiscono sbagliare contro la Juventus. Allucinante convalidare la rete del Milan"

Giampiero Mughini commenta il big match di San Siro e si lamenta degli arbitri su Dagospia: "Preferiscono sbagliare contro la Juventus"

Giuseppe Biscotti
07.01.2021 12:01

Mughini



Irrati e Orsato sbagliano sulla rete del Milan, Mughini non la prende bene. La direzione di gara del big match di San Siro ha lasciato qualche dubbio soprattutto sulla rete del pareggio di Calabria, convalidata nonostante un evidente fallo su Rabiot. Il noto scrittore e opinionista televisivo Giampiero Mughini, grande tifoso bianconero, si è mostrato soddisfatto sulla vittoria della "sua" Juventus ma anche molto critico nei confronti degli arbitri. Ecco un estratto della lettera inviata al sito Dagospia: "Caro Dago, a un giornalista della “Gazzetta dello sport” che ieri mi ha chiesto di sintetizzare in una sola frase quel che mi aspettavo dal Milan-Juve di stasera, avevo risposto che mi aspettavo che “Dio ce la mandasse buona”. Per fortuna della Juve e del torneo è andata così. E senza dire che l’unico gol del Milan è nato da una svista colossale dell’arbitro, il quale ha lasciato passare come se niente fosse una memorabile ciancata con cui un milanista ha mandato per le terre un omone da 1,86 quale Rabiot. Il gol del Milan in contropiede è nato dritto dritto da quella ciancata. Allucinante​​​​​​​". 



 



Mughini conclude: "Per carità, gli arbitri sbagliano ed è umano che sia così. Ho come l’impressione però che a questo punto della storia del calcio italiano preferiscano sbagliare contro la Juventus che non a suo favore, come avveniva in passato. Forse perché sono suggestionati dalle intemerate di Paolo Ziliani, un influencer di tale autorevolezza che al suo confronto la Chiara Ferragni seppure in bikini è niente, proprio niente. Buon torneo. Cari amici.​​​​​​​". 

Commenti

Verso Inter-Juve: presentazione, numeri, curiosità e statistiche sul derby d'Italia
Szczesny carica i suoi tifosi sui social: "Molti ci vorrebbero morti, ma siamo vivi"