Liga

Koeman: "Contento della squadra che ho. Ansu Fati? Buon giocatore, ma deve ancora imparare"

L'allenatore del Barcellona ​​ha rilasciato un'intervista a Barça TV analizzando le prime settimane della stagione

Ludovica Carlucci
09.10.2020 16:50

Ronald Koeman, allenatore del Barcellona, ​​ha rilasciato un'intervista a Barça TV in cui ha analizzato le prime settimane della stagione, valutando alcuni dei suoi giocatori e assicurandosi di essere "contento della rosa" una volta chiuso il mercato di lunedì scorso.

I primi passi del Barcellona di Koeman - “In generale, ho visto la squadra molto bene, soprattutto contro Villarreal e Celta. Ma se guardiamo alla partita del Siviglia possiamo migliorare. Ci sono dettagli che possono essere corretti. In allenamento chiediamo la massima concentrazione e intensità per rifletterla automaticamente nel gioco. Ecco perché gli allenamenti sono più intensi, perché ci si allena così come si gioca. La difesa inizia sempre con gli attaccanti. Se fanno una buona pressione, i difensori non hanno tanti problemi. La questione difesa è in tutta la squadra e può essere una delle ragioni del miglioramento della difesa ”.

Il sistema di gioco - “Con questa rosa e con questo tipo di giocatori, giocare con il 4-2-3-1 è il sistema migliore. Vista la qualità che c'è, questo modulo è perfetto per questa squadra ”.

Il calendario dopo la pausa delle nazionali - "Le partite della nazionale di ottobre ci daranno il tempo di analizzare i nostri rivali e prepararci per le partite a venire: Getafe, poi Champions, Madrid ... Avremo un programma molto serrato fino alla prossima pausa di novembre. La stagione è molto lunga e non possiamo dire che sarà un mese decisivo. Perché ci sono molte partite e puoi perdere in qualsiasi momento. Dobbiamo concentrarci giorno dopo giorno e partita dopo partita; è il modo migliore per vincere le cose. L'obiettivo è vincere ogni partita e non sarà facile. Prima viene il Getafe, una squadra complicata, non sarà una partita facile. Dobbiamo prepararci per una partita difficile ”.

Il gruppo di Champions - “La Champions League è una competizione molto importante. In teoria siamo i migliori del gruppo, ma dobbiamo dimostrarlo. Iniziamo in casa contro il Ferencvaros, è una partita importante che va preparata bene e analizzata al meglio. La Juventus sta dimostrando ogni anno di avere una squadra forte, con persone esperte e un grande giocatore come Cristiano. Abbiamo Pjanic, che può darci qualche informazione in più sulla sua ex squadra ".

Ansu Fati - “Le sue prestazioni sono il massimo. Stiamo parlando di un giocatore che ha solo 17 anni. E se ha giocato tre partite di fila a quell'età ad alto livello di calcio, vuol dire che è molto bravo. È anche un ragazzo che vuole imparare; si allena per imparare e migliorare e noi siamo qui per aiutarlo ”.

Gli acquisti - “Sono contento della rosa che abbiamo. Abbiamo cercato di migliorarla, in alcune cose ci siamo riusciti e in altre no, ma fa anche parte della situazione finanziaria del Club. Devi accettarlo e lavorare. Pedri e Trincao hanno lavorato sin dal primo giorno, ottenendo una buona prestazione. Pedri ha solo 17 anni e adoro il modo in cui lavora, si allena e gioca. Anche Trincao si sta adattando rapidamente alle nostre idee e, inoltre, è un giocatore molto giovane con un grande futuro davanti a sé. Pjanić è arrivato più tardi; poco a poco assumerà il tono fisico. Ha molte qualità come giocatore. Ho visto Dest molto a suo agio nei 20 minuti che ha avuto contro il Siviglia".

Commenti

Eleven Sports gratis, Serie C gratuita per tutto il mese di novembre
Di Marzio: "Il Napoli quest'anno può lottare per lo Scudetto. Vi dico chi sarà il vice-Mertens"