Serie A

Casa Juve: dal Sassuolo al Leverkusen, passando per la Lazio

Giovanna Ivana Marcellino
09.12.2019 18:00
La Juventus dopo la sconfitta dell'Olimpico per mano della Lazio, è chiamata al pronto riscatto a partire dalla gara di mercoledì a LeverkusenIl malcontento persiste in casa Juve. Lo “stop” con il Sassuolo prima, e lo scivolone di sabato con la Lazio poi, rappresentano per i bianconeri di Maurizio Sarri il primo periodo di incertezze. Un solo punto nelle ultime due partite portano la Juventus a meno 2 punti dall’Inter di Antonio Conte. Il mood di questi giorni è apparso ben chiaro: mai abbassare la concentrazione. Dopo la gara con la Lazio, Maurizio Sarri ha mostrato rammarico e contrarietà per la prestazione espletata dai suoi. In particolare il suo disappunto per il forte divario emerso tra il primo ed il secondo tempo della gara all’Olimpico è apparso chiaro. Campioni di un certo calibro dovrebbero portare a termine una performance omogenea e continuativa, ma ciò non è stato. Un primo tempo palesemente migliore dove la Juventus ha mostrato il suo solito carattere in uno ad un gioco vincente, tanto da chiuderlo in vantaggio con la rete di Cristiano Ronaldo. Troppe recriminazione invece nel secondo tempo. Durante la seduta di allenamento post Lazio, il tecnico toscano ha rincarato la dose: pare abbia puntualizzato le troppe disattenzioni e la poca cattiveria agonistica, che, usualmente è una delle principali caratteristiche della squadra. Forse un errore catartico è partito proprio dalla panchina durante il match con Lazio, una mossa non proprio vincente quella di Sarri: Emre Can per Bentancur. Forse questo ingresso in campo ha influito sul rendimento della squadra, con un Emre Can non proprio motivato, soprattutto dopo non aver ricevuto la convocazione per la prossima partita di Champions contro il Lerverkusen, la sua una sofferenza psico-fisica. Una partita con troppi passi falsi e cali di attenzione, anche dopo l’espulsione di Cuadrado, episodio topico che, probabilmente ha condizionato il prosieguo del match.Ma per Sarri bisogna guardare avanti e, purtroppo, l’orizzonte non pare essere dei migliori poiché deve anche sopperire alle mancanze degli infortunati, pesante l’assenza di Bentancur, arrivata dopo quella di Khedira e Ramsey. In vista della partita di mercoledì che si giocherà a Leverkusen, si prevede un necessario turnover. Si proverà infatti a fare qualche esperimento a centrocampo con Danilo titolare ed un probabile avanzamento di Cuadrado come mezza ala. In Germania bisognerà dare un segnale importante scendendo in campo al massimo della forma sia fisica che psicologica. Dopo queste prestazioni incerte, durante l'allenamento odierno alla Continassa, la squadra ha manifestato il massimo impegno, si sono mostrati più attenti alla tattica ed è stato svolto anche un particolare lavoro per la fase difensiva. La Juventus di Sarri ha subito il maggior numero di reti dall’inizio del campionato rispetto ai campionati precedenti. Il tecnico sta cercando di fare al meglio il suo lavoro per garantire risultati al Club e si ritrova a dover sdradicare ben otto anni di marcatura a uomo, mentre il suo gioco è orientato sulla palla che pertanto ha bisogno del tempo necessario per raggiungere i risultati auspicati. Non va assolutamente dimenticato che, nell’istante in cui si approda ad una nuova società ed ad una nuova squadra e realtà, va stilato un progetto ben preciso, solo alla fine di esso sarà possibile tirare le somme. Sarri ha appena iniziato ed è riuscito a collezionare ben 36 punti. Ci ha sempre abituati a grandi risultati, perché oltre alla tattica, sono i dettagli a fare la differenza.

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Serie B: il Benevento continua la fuga. Empoli e Chievo vincono di misura