Mario Sconcerti (Areanapoli.it)
Serie A

Sconcerti sicuro: "Solo due squadre per la corsa scudetto, tutte le altre sono fuori"

Il giornalista Mario Sconcerti tuona così all'interno del suo editoriale pubblicato sulle pagine de Il Corriere della Sera.

Barbara Ribaudo
04.10.2021 10:47

Mario Sconcerti sicuro sulla corsa scudetto. Il giornalista, al termine della settima giornata di Serie A, ha fatto il punto sulla situazione in classifica delle big attraverso le pagine de Il Corriere della Sera.

L'editoriale di Sconcerti sulla Serie A: le sue previsioni per la corsa scudetto

Nel suo editoriale, il giornalista scrive: “Napoli e Milan sono in questo momento le squadre migliori del campionato. Non so cosa significhi, forse solo che usano meglio le loro caratteristiche. L’Inter sta subendo troppi gol, non passa partita senza prenderne. E subisce spesso l’avversario come le è successo a Verona, Firenze, Reggio, in casa con l’Atalanta. Non ha ancora un passo sicuro, non è completa, scivola spesso a centrocampo dove Calhanoglu non si vede. Il Milan è più squadra ed è l’unica ad aver giocato tre scontri diretti (Juve, Lazio, Atalanta), le uniche partite che valgono per la classifica. L’Inter ha giocato solo con l’Atalanta, peraltro senza vincere". 

Sconcerti poi conclude: “Oggi la differenza di Napoli e Milan è netta come la differenza stessa tra le due squadre. Questo non è un pronostico, è un dato di fatto all’alba di un lunedì di ottobre. Poi il calcio cambia due-tre volte dentro la stessa partita, non ha un futuro nelle certezze. Ma oggi ci sono due squadre (più l’Inter) per lo scudetto, più un campionato con la Roma che tira la corsa alla Champions. Le altre sono lontane, non importa chi siano o cosa sono state. Oggi sono fuori. Domani forse torneranno. Il tempo non manca. Ma facciano in fretta”.

LEGGI ANCHE: Milan, grana Kessié sul rinnovo. L'agente del giocatore: "Chiedete alla dirigenza"

La Scuola Cattolica, streaming gratis? Dove vedere film
Caressa: "Contatto Handanovic-Defrel? Il VAR che non va a vedere è assurdo. Allora togliamolo"