Andrea Agnelli (ph. zimbio)
Calcio

Agnelli sulla Superlega: "Non è stato un colpo di stato, ma un grido d’allarme"

A margine del saluto a Fabio Paratici, il presidente della Juventus è tornato sul tema Superlega

Francesco Perna
04.06.2021 15:40

"Per molti anni ho cercato di cambiare competizioni europee dall'interno, i segnali di crisi erano evidenti già prima del Covid: la Superlega non è stato un tentativo di colpo di stato, ma un grido d'allarme disperato di un sistema che, non so se consapevolmente o meno, si indirizza verso l'insolvenza". Il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, è tornato a parlare del tema Superlega in occasione del saluto a Fabio Paratici e usa toni molto duri nei confronti dell'Uefa. "L'accordo fra i fondatori era condizionato al preventivo riconoscimento della competizione da parte dell'Uefa. La risposta è stata di chiusura, con termini offensivi e metodi arroganti, e poi si è indirizzata verso tre club. Non è con questo tipo di comportamenti che si riforma il calcio di fronte a questa crisi. Per fortuna so che non tutti in Uefa la pensano allo stesso modo. Il desiderio di dialogo, comunque, resta immutato. Altri sport hanno affrontato cambiamenti di questo tipo, e quasi tutti gli stakeholders concordano sul fatto che il modello vada cambiato".

Commenti

Dove vedere e quando esce La Casa di Carta 5, streaming gratis puntate e serie tv completa Netflix
Paratici: "Non ho rimpianti perché la Juve ti rende migliore. Tottenham? Ora..."