Serie A

Serie A, Pistocchi: "Mancini ideale per la Juve. Conte e Pioli..."

L'opinionista tocca i principali temi del calcio italiano

Vincenzo Pennisi
06.08.2020 19:43

TMW Radio, durante Maracanà, ha parlato l'opinionista Maurizio Pistocchi. Ecco le sue parole:

Lazio vicina a David Silva:
"Giocatore di straordinario livello, sarebbe un colpo fantastico. Un giocatore che ha qualità, atitudine al gioco, sa essere decisivo. Se lo prende, si rafforza alla grande. In che ruolo? In un 3-4-2-1, accanto a Luis Alberto. Il suo ruolo è quello".

Capitolo Juve. Sarri alla fine si è adeguato ai giocatori che aveva:
"Se un allenatore arriva in una società dove ci sono rose già complete,non può pensare di allenare se stesso ma deve adattarsi alle qualità dei suoi giocatori. I giocatori fanno fatica a fare i soldatini". 

Conte, come valuti l'utilizzo di Eriksen?
"Marotta sa le idee di Conte, gli hanno fatto un contratto triennale. Lui fa quello che ha sempre fatto, le responsabilità sono dei dirigenti se Eriksen non si è adattato. Il discorso non è solo di disposizione in campo ma di idea di calcio. Le squadre di Conte sono molto atletiche, di corsa. Con questa idea l'Inter è molto migliorata, ma mi chiedo: questa idea ti può portare ad essere vincente in Italia e nel mondo, come è nell'ambizioso progetto di Suning? Rimango perplesso sul modulo scelto da Conte, negli ultimi anni si vince con il 4-2-3-1 o il 4-3-3".

Capitolo Milan, come valutare la stagione di Pioli?
"Da tre anni sostengo che la problematica del Milan è la disposizione, ossia il 4-3-3. Tutti criticavano la rosa del Milan, ma sostenevo che fosse competitiva e che la colpa era del modulo scelto. L'arrivo di Ibra è stato significativo, così come il lockdown. Dobbiamo vederlo in un campionato normale. Si dovrà unire lo spettacolo alla concretezza".

Credi nell'affare Juve-Mancini?
"Se una società importante come la Juve deve aspettare un risultato per decidere il futuro di un tecnico, non è una società importante. Se hanno deciso di cambiare, la scelta l'hanno fatta indipendentemente da come andrà con il Lione. La scelta di Mancini è coerente, perché è in ottimi rapporti con i senatori azzurri in bianconero".

Commenti

Depay lancia la sfida a De Ligt: "Orgoglioso di lui, ma saremo avversari"
Willian, il brasiliano cambia maglia ma resta...a Londra