Serie A

Torino, si ricomincia: Mazzarri, Belotti e il 3-5-2 per sorprendere la Roma

Alberto Gervasi
19.08.2018 10:02

Il Torino alle 18 sarà impegnato nel match contro i giallorossi allenati da Eusebio Di Francesco. Assente Ansaldi, squalificato, ci sarà l'esordio in Serie A per Meité. Fra i giallorossi, in campo i nuovi acquisti Pastore, Cristante, e Kluivert

- di Alberto Gervasi -

Iniziare con il piede giusto, facilitare l'inserimento dei nuovi e regalarsi la prima gioia contro una grande. Il Torino che esordirà oggi alle 18 nella nuova Serie A contro la Roma, non ha voglia di nascondersi, e lo ha dimostrato con il mercato che ha condotto: gli acquisti “azzurri” Izzo, Soriano e Zaza sono stati colpi di spessore, e serviranno a far fare il salto di qualità alla squadra. L’attaccante ex Juventus completerà il pacchetto attaccanti formato anche da Belotti, Niang, Ljajic, Edera e Iago Falque. Walter Mazzarri, che nell’ultima conferenza stampa della scorsa stagione aveva detto di volere appena quattro punte in rosa, dovrà essere bravo a gestire l’abbondanza, salvo cessioni dell’ultima ora per il senegalese e il serbo. A Meité, Bremer, Djidji, Aina (e Lukic, rientrato alla base dopo tanto girovagare) il compito di sorprendere ed essere un valore aggiunto a una squadre che sembra completa in ogni reparto e che, almeno quest’anno, non può tergiversare sull’obiettivo Europa. Intanto, oggi all’ “Olimpico – Grande Torino”, arriverà la terza forza del torneo dello scorso anno, rivoluzionata dal mercato scoppiettante del suo direttore sportivo Monchi. L’avversario sembra proibitivo per il Torino, soprattutto in questo momento in cui i giocatori risentono ancora dei carichi del ritiro; dall’altro lato, invece, lo scontro con una grande del calcio italiano potrebbe essere un banco di prova importante e uno stimolo per crescere ulteriormente. L’allenatore granata, nella conferenza stampa della vigilia, ha elogiato i giallorossi e il suo collega Eusebio Di Francesco, ma ha confermato la voglia della squadra di volersela giocare a viso aperto.La Roma, tatticamente, si vestirà del 4-3-3 che ha caratterizzato la scorsa stagione: in difesa toccherà a Florenzi e Kolarov (che lo scorso anno regalò in successo ai giallorossi nel match di Torino) spingere, e a Manolas e Fazio tenere a bada il duo Iago-Belotti. Il centrocampo, rivoluzionato nelle ultime settimane, vedrà capitan De Rossi in cabina di regia, con Pastore al suo fianco e uno fra Strootman e Cristante. L’argentino ex Paris Saint Germain giocherà molto in verticale, con passaggi filtranti, mentre agli altri due (soprattutto l’ex atalantino) toccherà inserirsi in area di rigore. In avanti, oltre a Dzeko, ci saranno El Sharaawy e il figlio d’arte Kluivert, favorito su Under. La difesa granata avrà molto da lavorare, dato che la Roma riesce bene ad andare bene sia sugli esterni, veloci nell’uno contro uno, che verticalmente su Dzeko, bravo a proteggere il pallone e a girarlo verso i compagni. Il Torino ricomincerà dal 3-5-2 che ha caratterizzato la seconda parte della gestione Mazzarri dello scorso anno: davanti a Sirigu, Izzo agirà sul centrodestra, mentre N’Koulou si sposterà al centro, e Moretti a sinistra. Con la squalifica di Ansaldi, sarà Berenguer a presidiare la fascia sinistra, con De Silvestri dall’altro lato e il trio di interni composto da Meité, Rincon e Baselli. Davanti Iago Falque, miglior realizzatore dello scorso anno, e Belotti, chiamato anche lui, come la sua squadra, alla stagione del riscatto. Il giro palla fra i tre difensori servirà ai granata per studiare l’avversario e cercare lo spazio per imbeccare gli esterni e le punte. Gli straordinari toccheranno ai centrocampisti che dovranno contenere gli avversari fisicamente e proporre il gioco appena possibile. Al resto ci penseranno il “Gallo” e Iago. La banda Mazzarri ha voglia di togliersi soddisfazioni e dire la sua. Le chiacchiere, la pre-tattica e i luoghi comuni stanno per finire. Adesso si parte. Probabile Formazione (3-5-2): Sirigu; Izzo, N’Koulou, Moretti; De Silvestri, Baselli, Rincon, Meité, Berenguer; Iago Falque, Belotti. All. Walter Mazzarri

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Esordio flop per il Bologna: la Spal passa al Dall'Ara