L'amico di Zanardi: "Era una pedalata tra amici. Ci eravamo organizzati per avere una pattuglia"

Simone Biancofiore
22.06.2020 13:57
Enrico Fabianelli, appassionato ciclista di Castiglion Fiorentino, ha parlato del tragico incidente Le parole del ciclista affetto da sclerosi multipla: "Noi vedevamo la staffetta come una tranquilla pedalata tra amici e dunque non c'era necessità di chiudere la strada", anche perché "la pedalata non era competitiva", "queste cose purtroppo succedono, è la fatalità. Forse in futuro però le strade andranno chiuse comunque". Ha spiegato: "La pedalata con Alex Zanardi era non competitiva quindi non necessitava, da codice della strada, di chiusura delle strade. Ci eravamo organizzati per avere una pattuglia della polizia municipale in testa per segnalare e l'abbiamo avuta sempre. A Castiglion Fiorentino erano pattugliati anche gli incroci più pericolosi, per esempio, ma è facoltativo. Con la staffetta volevamo dare un segno di ripartenza e invece Alex ha avuto l'incidente". Fabianelli ha concluso: "Eravamo piu indietro, ci eravamo fermati per fare fotografie, li per li non avevamo capito chi era l'atleta coinvolto nell'incidente, poi abbiamo visto la maglia azzurra ed allora abbiamo pensato a lui".

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Serie A, Verona-Napoli: i convocati di Gattuso. Assente Manolas