malinovskyi instagram story
Serie A

Malinovskyi si difende: "Mai detto che in Serie A c'è gente più forte di CR7, i giornalisti devono..."

L'ucraino, dopo l'intervista rilasciata ad un portale ucraino e riportata (male) da alcune testate italiane, si difende su Instagram

Davide Roberti
06.06.2021 18:32
Malinovskyi Instagram Story.

"Il miglior calciatore del mio campionato? Non dico Cristiano Ronaldo, la Serie A ha diversi calciatori più forti. Posso dire che il migliore con cui ho giocato è Muriel, un giocatore incredibile. Se le cose fossero andare diversamente avrebbe giocato nel Barcellona, non so perché non sia così, forse si tratta di carattere. Da noi è l'anima dello spogliatoio, sempre scherzoso e sorridente". Così è stata riportata da diverse testate italiane l'intervista di Ruslan Malinovskyi, trequartista dell'Atalanta, rilasciata al portale ucraino Вацко Live. Chiaramente ha destato molto scalpore la sua opinione su CR7, che secondo le sue parole non sarebbe considerato il più forte giocatore della Serie A. L'ucraino, però, ha voluto ribattere sui social alla “versione italiana” della sua intervista, spiegando la verità con una Instagram Story.

Malinovskyi spiega: “Non ci sarà nessuno come Ronaldo per altri 100 anni, i giornalisti devono controllare le informazioni!”

Così si è sfogato il talento ucraino dell'Atalanta con una storia sul popolare social network: “Ha chiesto chi è il miglior giocatore della Serie A quest'anno? Abbiamo parlato di Ronaldo. Ho detto che era difficile da dire, molti giocatori hanno giocato ad alti livelli, e ho detto che Muriel è forte all'Atalanta e Zielinski in campionato, ma non ho paragonato Ronaldo a nessuno. Sappiamo tutti che giocatori sono Ronaldo e Messi, come loro non ce ne saranno per altri 100 anni! Prima di scrivere qualcosa, i giornalisti devono controllare le informazioni!

Commenti

Dove vedere Celebrity Hunted 2, streaming gratis diretta tv serie televisiva Netflix o Amazon Prime?
MotoGP, Oliveira trionfa nel GP di Catalunya: "Grande prova mentale" - Fuori Rossi e Marquez