Tre colpacci in 40 anni: Sinisa prova a far male alla Roma

Marco Vigarani
18.02.2019 10:30
Dal 1979 il Bologna ha vinto solo tre volte all'Olimpìco contro la Roma oggi incapace di non subire gol. L'ex Mihajlovic proverà a fare il colpaccioStoricamente la trasferta giallorossa per il Bologna non dovrebbe rientrare nelle classiche missioni impossibili visto che su 74 precedenti sono arrivati comunque 18 vittorie e 24 pareggi a fronte di 32 sconfitte, ma è anche vero che negli ultimi 40 anni soltanto in tre occasioni i rossoblù hanno strappato la vittoria alla Roma: nel 1979, nel 2004 e nel 2012. Proviamo ad alimentare la speranza ricordando però che la Roma non è ancora riuscita a mantenere la porta inviolata per due partite consecutive anche se dalla parte opposta il Bologna è l’unica squadra dei migliori campionati europei a non aver ancora segnato un gol nei secondi tempi nel 2019. I giallorossi invece sono la squadra che ha segnato più gol nei primi tempi di questa annata (23) ed è quella che ha il differenziale reti nel primo quarto d’ora (9 segnate e 0 subite). Attenzione poi a Edin Dzeko che non è ancora riuscito a segnare un gol in casa in Serie A. Parliamo di ex? Da una parte troviamo Lukasz Skorupski (appena 16 presenze tra 2013 e 2018), Arturo Calabresi (prodotto del vivaio della Roma) ed il tecnico Sinisa Mihajlovic (69 gare e 7 gol tra 1992 e 1994); dall'altra soltanto Antonio Mirante (90 presenze tra 2015 e 2018). Precedenti abbastanza equilibrati per Eusebio Di Francesco sia con il Bologna (4 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte) che con il collega Mihajlovic (2 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte) che invece ha una storia negativa con la Roma (3 vittorie, 4 pareggi e 9 sconfitte). Stasera il fischietto sarà affidato al brindisini Marco Di Bello, 37enne con 84 gare dirette in Serie A ed una storia decisamente positiva per la Roma (9 vittorie, 1 pareggio e 1 sconfitta) ma non troppo negativa neanche per il Bologna (3 vittorie, 5 pareggi e 1 sconfitta).

Commenti

Calciomercato Bologna, due difensori sul taccuino di Sabatini
Torino, i segreti (e le mosse) di Mazzarri per strappare un punto al Napoli